L'evidente fallimento dei Sieri Genici anti-Covid nei paesi più inoculati del mondo....con un po' di dati alla mano

 

Dall'inizio della crisi sanitaria, l'esecutivo francese ma anche Italiano, ha fatto finta che le cure precoci fossero inefficaci, ha imposto grandi restrizioni alle nostre libertà, in particolare alle prescrizioni dei medici,[1] e ha promesso che la vaccinazione avrebbe ottenuto l'immunità di gregge, la fine della crisi e il ritorno alla vita normale.


Ma il fallimento permanente per 18 mesi di questa strategia sanitaria basata su false simulazioni, innumerevoli bugie, promesse mai mantenute, la propaganda della paura e l'estorsione del consenso alla vaccinazione ricattando le libertà di movimento, di svago e di lavoro, sta diventando insopportabile.

Gli attuali vaccini che vogliono imporci sono efficaci? Possono portare all'immunità collettiva o è solo un mito? Per rispondere a questa domanda, faremo il punto della situazione sanitaria attuale nei paesi più vaccinati secondo le cifre fornite dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e le curve di OurWorldinData.

Mortalità record in Gibilterra campioni iniezioni Astra Zeneca

Gibilterra (popolazione 34.000) ha iniziato la vaccinazione nel dicembre 2020 quando l'agenzia sanitaria ha contato solo 1.040 casi confermati e 5 morti attribuiti al covid19. Dopo un blitz di vaccinazione molto completo, raggiungendo una copertura del 115% (la vaccinazione è stata estesa a molti visitatori spagnoli), il numero di nuove infezioni è aumentato di cinque volte (a 5314) e il numero di morti è aumentato di 19 volte. Con 97, o 2.853 morti per milione di abitanti, questa cifra è uno dei record europei di mortalità. Ma i responsabili della vaccinazione negano qualsiasi legame causale senza proporre un'altra eziologia plausibile. E dopo qualche mese di tregua, l'epidemia è ripresa, confermando che il 115% di copertura vaccinale non protegge dalla malattia.

Malta: 84% di copertura vaccinale, ma altrettanto inefficace

Malta è uno dei campioni europei di pseudo-vaccini: in quest'isola di 500.000 abitanti sono state somministrate quasi 800.000 dosi, garantendo una copertura vaccinale di quasi l'84% con un ritardo di circa 6 mesi.

Ma dall'inizio di luglio 2021, l'epidemia è ricominciata e le forme gravi (mortali) sono in aumento, costringendo le autorità a riconoscere che la vaccinazione non protegge la popolazione e a imporre restrizioni.
Anche qui, il ripetersi dell'epidemia di casi e di mortalità dimostra che un alto tasso di vaccinazione non protegge la popolazione.

In Islanda, la gente non crede più nell'immunità di gregge

In questo piccolo paese di 360.000 abitanti, più dell'80% è primo-vaccinato e il 75% ha completato il ciclo di vaccinazione. Ma a metà luglio 2021, le nuove infezioni giornaliere erano aumentate da circa dieci a circa 120, prima di stabilizzarsi a un tasso superiore a quello del periodo pre-vaccinazione. Questa improvvisa ricorrenza ha convinto il capo epidemiologo che l'immunità di gregge non può essere raggiunta dalla vaccinazione.
Belgio: recidiva della malattia nonostante la vaccinazione

In Belgio, quasi il 75% della popolazione è stata vaccinata. E il 65% della popolazione ha un ciclo di vaccinazione completo. Tuttavia, dalla fine di giugno 2021, il numero di nuove infezioni al giorno è passato da meno di 500 a quasi 2000. Come riconosce la RTBF, di fronte alla variante Delta, la vaccinazione attuale è lungi dall'essere sufficiente a proteggere la popolazione.

Singapore abbandona la speranza di "Zero Covid" attraverso i vaccini

Questo piccolo paese è anche altamente vaccinato e quasi l'80% della popolazione ha ricevuto almeno una dose. Ma dal 20 agosto 2021, ha dovuto affrontare una ripresa esponenziale dell'epidemia, con un numero di casi che è passato da una decina in giugno a più di 150 alla fine di luglio e a 1.246 casi il 24 settembre.

Questa recrudescenza incontrollata della malattia nonostante la vaccinazione ha portato al passaggio da una strategia di eradicazione del virus a un modello di "convivenza con il virus", cercando di trattare la malattia "come l'influenza".


Nel Regno Unito: un aumento preoccupante delle infezioni

Il Regno Unito è il campione europeo della vaccinazione di Astra Zeneca, con oltre il 70% della popolazione vaccinata per la prima volta, e il 59% con un programma di vaccinazione completo. Questo alto tasso di "vaccinazione" non ha impedito un'esplosione di casi all'inizio dell'estate, con fino a 60.000 nuovi casi al giorno a metà luglio.

Di fronte a questa grande recrudescenza dell'epidemia nonostante la vaccinazione, Andrew Pollard, rappresentante dell'Oxford Vaccine Group, ha ammesso davanti al Parlamento: "l'immunità collettiva attraverso la vaccinazione è un mito".
Questa ripresa delle infezioni è stata accompagnata da una ripresa dei ricoveri, dei casi gravi e dei decessi. Secondo il rapporto ufficiale di agosto,[2] i decessi sono stati più frequenti tra i pazienti completamente vaccinati (679) che tra quelli non vaccinati (390), smentendo così crudelmente le speranze di un effetto protettivo del vaccino sulla mortalità.


Dopo la revoca delle ultime restrizioni sanitarie, l'epidemia è scesa a meno di 30.000 casi al giorno, mentre all'inizio di luglio, le simulazioni dei terroristi covidi prevedevano fino a 100.000 nuovi casi al giorno se le misure sanitarie fossero state revocate.

Israele: ovvio disastro post-vaccinazione negato dai funzionari


Israele, il campione dell'iniezione di Pfizer, una volta tenuto ovunque come esempio di efficacia, è ora duramente richiamato alla realtà ed è ora il modello del fallimento del vaccino.

Il 70% della popolazione è vaccinata con 1 dose, e quasi il 90% delle persone a rischio ha un ciclo completo di vaccinazioni. Ma l'epidemia ha ripreso più forte che mai dalla fine di giugno e più di 11.000 nuovi casi sono stati registrati in un giorno (14 settembre 2021) superando di quasi il 50% i picchi osservati nel gennaio 2021 durante l'epidemia che ha seguito le prime iniezioni di Pfizer.

Questa ripresa dell'epidemia, nonostante le iniezioni di Pfizer, è accompagnata da un aumento delle ospedalizzazioni, dove i vaccinati rappresentano la maggioranza dei ricoverati.
La vaccinazione inoltre non protegge da forme gravi della malattia o dalla morte.

Alla fine di luglio: il 71% dei 118 israeliani gravemente malati (gravi, critici) erano completamente vaccinati!...Continua su Articolo Originale...