Clamoroso schiaffo della Corte polacca a Bruxelles: “Le norme dell’UE incompatibili con la Costituzione della Polonia”

Da La Stampa – VARSAVIA. La Corte costituzionale polacca guidata dal giudice Julia Przylebska ha dichiarato oggi che alcuni regolamenti dell’Unione europea non sono compatibili con la Costituzione dello stato polacco. Il tribunale ha affermato che l’adesione del Paese all’Ue e la firma dei trattati non equivale a conferire ai tribunali del blocco l’autorità legale suprema e non significa che la Polonia stia spostando la sua sovranità all’Ue.

Secondo la Corte, tale sentenza si riferisce alle competenze dello Stato polacco che non sono state trasferite agli organi dell’Unione europea. La decisione della Corte, molto attesa da Bruxelles, potrebbe incidere negativamente sull’avvenire del Recovery Fund per Varsavia, che è stato vincolato al rispetto dello stato di diritto polacco, da tempo indebolito rispetto agli standard europei. Il contenzioso riguarda soprattutto l’autonomia mancata del sistema della giustizia, che è stato messo sotto il controllo del partito al governo Diritto e giustizia del leader Jaroslaw Kaczynski.

Leggi la notizia su La Stampa

L'articolo Clamoroso schiaffo della Corte polacca a Bruxelles: “Le norme dell’UE incompatibili con la Costituzione della Polonia” proviene da Rassegne Italia.