“Ricchi incarichi di Stato”, la Procura apre un’inchiesta sull’ex socio di Conte. Ora vediamo chi grida allo scandalo

Da Affari Italiani –  Il caso Amara continua a tenere banco. Dopo che i pm hanno trovato riscontri concreti sulle sue rivelazioni in merito alla presunta esistenza della loggia Ungheria, adesso l’ex avvocato dell’Eni è tornato credibile per gli inquirenti e la Procura di Roma ha deciso di aprire un’inchiesta su un collaboratore di Giuseppe Conte, citato da Amara in uno dei suoi tanti interrogatori.

Si tratta – si legge sulla Verità che riporta un’anticipazione di Panorama – di Luca Di Donna. Un avvocato romano con ottime entrature politiche e nel mondo dell’intelligence. Su di lui si stanno concentrando le indagini della Procura.

Gli inquirenti vogliono scoprire – prosegue la Verità – come e perchè gli siano arrivati ricchi incarichi di consulenza delle aziende di Stato. A lui Conte ha affidato la stesura del nuovo statuto del Movimento 5 stelle, il documento che lo scorso giugno ha portato l’ex presidente del Consiglio e Beppe Grillo sull’orlo della rottura. Di Donna e Conte avevano lavorato fianco a fianco nello studio Alpa.

Leggi la notizia su Affari Italiani

L'articolo “Ricchi incarichi di Stato”, la Procura apre un’inchiesta sull’ex socio di Conte. Ora vediamo chi grida allo scandalo proviene da Rassegne Italia.