Macerata, spacciatore Pachistano con il Reddito di Cittadinanza: arrestato 3 volte in 6 anni, revocato l’assegno

di Benedetta Lombo – CORRIDONIA  – Trovato con 15 grammi di eroina, in manette un 42enne pakistano, è il terzo arresto in sei anni sempre per spaccio di eroina. Disposta la revoca del reddito di cittadinanza. L’operazione è scattata mercoledì sera, erano da poco passate le 20 quando una pattuglia di carabinieri aveva notato un pakistano uscire dal portone di casa e camminare lungo la strada mentre parlava al telefono con qualcuno.

Il pakistano per i militari non era un volto nuovo: Adnan Aslam nel 2015 lo avevano arrestato due volte, una ad aprile e una a maggio, sempre per detenzione di eroina ai fini di spaccio.  Insospettiti i militari di Corridonia, guidati dal luogotenente Giammario Aringoli, gli hanno intimato l’alt ma il pakistano, dopo essersi girato e aver riconosciuto le forze dell’ordine, se l’è data a gambe.

Lo straniero ha iniziato a correre verso la zona chiamata dai corridoniani “Cerqueto”, in cui risiedono tantissimi connazionali e durante la fuga, accortosi che un carabiniere gli era quasi addosso, ha iniziato a buttare via le dosi di eroina che aveva in tasca. In strada ha buttato anche un bilancino di precisione che aveva con sé. Alla fine è stato raggiunto e bloccato. Sottoposto a perquisizione, il militare gli ha trovato in tasca 405 euro in banconote di piccolo taglio. Arrivato anche il collega che nel frattempo aveva bloccato la strada con l’auto di servizio, i militari hanno recuperato tutte le dosi buttate, in totale 12 risultate contenere complessivamente quasi 15 grammi di eroina.

A quel punto è scattata anche la perquisizione domiciliare, nell’appartamento in cui il pakistano vive con moglie e figli, però, non è stato trovato altro stupefacente. Dell’attività è stato informato il pubblico ministero di turno, il sostituto procuratore Enrico Barbieri, che ha disposto che il pakistano venisse trattenuto nella cella di sicurezza in vista del processo per direttissima fissato per l’indomani.

E ieri Aslam è stato condotto in Tribunale a Macerata dai militari della stazione di Corridonia; a difenderlo in aula è intervenuto l’avvocato Domenico Biasco. Il 42enne ha deciso di non rispondere alle domande del giudice Federico Simonelli, si è solo limitato a dire che attualmente non lavorava, in passato aveva lavorato per un’impresa ma poi aveva perso quel posto. Si è quindi avvalso della facoltà di non rispondere, successivamente il giudice ha convalidato l’arresto, mentre in merito alla misura custodiale da applicare, il Pm Francesca D’Arienzo ha chiesto e ottenuto che il 42enne venisse posto agli arresti domiciliari. Il legale ha chiesto i termini a difesa e l’udienza è stata rinviata al 7 ottobre. Nel frattempo dagli accertamenti eseguiti è emerso che il pusher era percettore del reddito di cittadinanza, il sostegno economico – come da prassi in questi casi – gli è stato revocato.

Leggi la notizia su Corriere Adriatico

L'articolo Macerata, spacciatore pachistano con il Reddito di Cittadinanza: arrestato 3 volte in 6 anni, revocato l’assegno proviene da Rassegne Italia.