Dott. Giovanardi: “Il vaccino Covid è sperimentale, l’obbligo è proibito dalle convenzioni internazionali”

Di Giorgia Peretti – Daniele Giovanardi senza freni negli studi de L’aria che tira. Il medico, fratello gemello dell’ex senatore Carlo Giovanardi, prima dà del “dittatore fascista” a Roberto Arditti poi si scaglia contro Nino Cartabellotta e la campagna pro-vaccini “allora Remuzzi è un deficiente secondo lei”. Il tema al centro del dibattito nella puntata di lunedì 27 settembre sono i vaccini e i dubbi su cui si ergono le proteste nelle piazze contro il green pass.

La posizione di Giovanardi è chiara, il medico settantunenne non si è vaccinato perché reputa il vaccino contro il Covid-19 ancora troppo “sperimentale”. Una strada percorribile sarebbe quella delle cure domiciliari con “farmaci tradizionali sicuri ed efficaci senza essere sperimentali”.

Il vaccino invece viene esaltato ovunque, stando al pensiero del dottore: “per un vaccino sperimentale, l’obbligo è proibito da tutte le convenzioni internazionali allora se loro (le agenzie regolatorie nda) mi scrivono che non e sperimentale e firmano sono sereno e domani ci saranno 800 persone che andranno a vaccinarsi”. Nino Cartabellotta, presidente della fondazione Gimbe, e Roberto Arditti, direttore di Formiche.net, ospiti in puntata con Giovanardi esprimono una diversa opinione.

“La sua posizione sull’efficacia del vaccino diventi suo malgrado anche un cattivo maestro che poi genera quegli effetti dirompenti anche nelle piazze?”, chiede il conduttore Francesco Magnani.  Il riferimento ai “cattivi maestri” arriva dalla definizione fornita dall’editoriale di Alessandro Sallusti su Libero. Giovanardi risponde: “ogni cittadino ha diritto di essere informato pienamente non si può dare un consenso disinformato dare dati non esatti per spingere le persone a fare delle cose”.

Il conduttore lo esorta a rispondere più precisamente alla domanda e a tal proposito si inserisce Arditti: “L’autunno di quest’anno sarà molto meno drammatico sotto il profilo della tenuta del sistema sanitario grazie alla campagna di vaccinazione?”. “Io sottoscrivo come tutta l’Europa che bisogna incentivarla ma non obbligarla”, risponde il medico.

“Ecco lei è un cattivo maestro”, ribatte il giornalista. “E lei è un dittatore fascista”, sbotta Giovanardi. Magnani lo riprende e passa la parola a Cartabellotta che invece esorta alla vaccinazione piuttosto che “pensare alle ipotetiche cure una volta preso il covid, senza evidenza scientifica”. In chiusura Giovanardi non risparmia nemmeno il collega: “Allora Giuseppe Remuzzi (pioniere delle cure domiciliari contro il covid nda) è un deficiente secondo lei”.

Leggi la notizia su Il Tempo

L'articolo L’ex Primario Giovanardi: “Il vaccino Covid è sperimentale, l’obbligo è proibito dalle convenzioni internazionali” proviene da Rassegne Italia.