I Tribunali Francesi bloccano il Green Pass nei Supermercati: “Impedire l’accesso a beni e servizi è discriminazione”

Di Miriam GualandiNel braccio di ferro tra cittadini contrari all’obbligo di green pass e Governi, stavolta sono i primi a portare a casa un ottimo risultato. Siamo in Francia, dove l’applicazione del pass sanitario è stata molto più capillare e dove anche le proteste dei cittadini sono state molto più forti: oltre che per i ristoranti e bar, sia al chiuso che all’aperto, cinema e treni a lunga percorrenza, il documento era necessario anche per entrare nei centri commerciali.

A partire dallo scorso 16 agosto, infatti, era entrata in vigore l’obbligatorietà del pass vaccinale nelle attività commerciali che superano i 20mila metri quadri di superficie, se queste sono collocate in un dipartimento dove il tasso di incidenza supera la soglia di 200 casi ogni 100.000 abitanti. La misura vale anche per i supermercati ospitati dentro a questi edifici e dal 30 agosto il green pass è diventato obbligatorio anche per i dipendenti.

Già da luglio il Consiglio nazionale dei centri commerciali aveva ritenuto ingiusta questa misura e vedendo calare nettamente il proprio fatturato, ha appoggiato le proteste dei cittadini. E piano piano le loro istanze sono state ascoltate: prima i tribunali di Yvelines ed Essonne, poi anche il Tar di Hauts de Seine, dipartimento al confine con Parigi, ha sospeso l’attuazione del decreto governativo.

I giudici hanno riconosciuto che l’obbligo di pass sanitario è discriminatorio, perché impedisce l’accesso a beni e servizi essenziali come quelli forniti dai supermercati. Il Consiglio nazionale dei centri commerciali ha chiesto la sospensione nazionale dell’obbligo per i supermercati, ritenendolo ingiusto per le famiglie, discriminatorio e superfluo, visto che peraltro nei negozi è ancora in vigore il protocollo sanitario. In tutta la Francia sono stati presentati ricorsi contro il certificato verde, compresa Parigi.

A rispondere a chi sostiene, anche nel nostro Paese, che il green pass possa significare oltre a sicurezza anche ripartenza economica ci pensa sempre il Consiglio nazionale dei centri commerciali francesi, che lamentano “un calo di un quarto dei clienti in tutti i centri commerciali” del Paese, “non solo nei grandi centri commerciali metropolitani“, dove si arriva anche a una riduzione dei clienti del 30% al 40%.

Leggi la notizia su ByoBlu

L'articolo I tribunali francesi bloccano il Green Pass nei supermercati: “Impedire l’accesso a beni e servizi è discriminazione” proviene da Rassegne Italia.