Un giudice toglie i figli a una madre che non si vuole vaccinare: ecco la dittatura sanitaria negli Usa

Un giudice della contea di Cook nell’Illinois (che comprende Chicago e parte dell’area circostante) ha tolto i diritti genitoriali a una donna a causa del suo rifiuto di vaccinarsi. In quello che tutte le parti concordano essere un passo molto insolito e forse senza precedenti, un giudice del Daley Center di Chicago ha privato la custodia di Rebecca Firlit a causa del suo rifiuto di farsi vaccinare.

“Mi manca mio figlio più di ogni altra cosa. È stato molto difficile. Non lo vedevo dal 10 agosto”, ha detto Firlit a una stazione affiliata della Fox locale in un’intervista. Questo è il giorno in cui Firlit è apparsa in tribunale tramite Zoom, accompagnata dal suo ex marito, per un’udienza per il mantenimento dei figli che coinvolge suo figlio di 11 anni.

I due sono divorziati da sette anni e condividono la custodia e il tempo dei genitori. All’improvviso, il giudice della contea di Cook James Shapiro le ha chiesto se fosse stata vaccinata. Firlit ha detto a Shapiro di non essere stata vaccinata perché in passato ha avuto reazioni negative ai vaccini.

Shapiro ha quindi ordinato che a Firlit sia impedito di trascorrere il tempo genitoriale con suo figlio fino a quando non sarà vaccinata. Nelle ultime due settimane, Firlit è riuscita a parlare con suo figlio al telefono e tramite videochiamate, ma non è stata in grado di vederlo di persona.

“Penso che sia sbagliato. Penso che stiano dividendo le famiglie. E penso che non sia nell’interesse di mio figlio stare lontano da sua madre”, ha detto Firlit.Firlit sta ora impugnando l’ordinanza del tribunale, affermando che il giudice non ha l’autorità per revocare i suoi diritti genitoriali sul suo stato di vaccinazione. “Non aveva nulla a che fare con quello di cui stavamo parlando. Stava mettendo le sue opinioni su di me. E portando via mio figlio da me”, ha detto Firlit.

Il suo avvocato, Annette Fernholz, ha affermato che il giudice ha oltrepassato la sua autorità. “In questo caso hai un giudice, senza alcuna questione davanti a lui per quanto riguarda il tempo genitoriale con il bambino che decide ‘Oh, non sei vaccinato. Non puoi vedere tuo figlio finché non sei vaccinato.’ Quel tipo di supera la sua giurisdizione”, ha detto Fernholz.

Come ha spiegato, il giudice sta agendo completamente da solo: l’ex marito di Firlit non ha portato la questione davanti al tribunale. “Dovete sapere che il padre non ha nemmeno portato questo problema davanti al tribunale. Quindi è il giudice da solo e prende questa decisione per cui non puoi vedere tuo figlio finché non sei vaccinato”, ha aggiunto Fernholz.

Tuttavia, l’avvocato che rappresenta l’ex marito di Firlit, Jeffrey Leving, afferma di essere rimasto sorpreso anche dalla decisione del giudice, ma sostiene la sentenza dicendo che, data la pandemia, il bambino dovrebbe essere protetto da una madre non vaccinata.

“Ci sono bambini che sono morti a causa di COVID. Penso che ogni bambino dovrebbe essere al sicuro. E sono d’accordo che la madre dovrebbe essere vaccinata”, ha detto Leving.Dall’inizio della pandemia, negli Stati Uniti sono morti meno di 400 bambini a causa del COVID. In ogni caso, il bambino presentava una sorta di comorbilità che complicava drammaticamente la situazione.

Negli USA i giudici hanno un’0ampia autorità e possono emettere anche sentenze uniche, di questo tipo, fuori dai normali canoni della legge. E anche dal buon senso.

Leggi la notizia su Scenari Economici 

L'articolo Un giudice (criminale) toglie i figli a una madre che non si vuole vaccinare: ecco la dittatura sanitaria negli Usa proviene da Rassegne Italia.