Scafismo di Stato: la Capitaneria traghetta altri 400 clandestini a Lampedusa. “Pagano Letta e Lamorgese?”

Di – Altra mattinata di sbarchi a Lampedusa, dove poche ore fa sono arrivati circa 400 stranieri a bordo di un peschereccio. Ad occuparsi delle operazioni di trasferimento e di approdo gli uomini della Capitaneria di porto, che hanno intercettato il natante a largo dell’isola. L’imbarcazione, partita dalle coste nordafricane, era talmente carica che per pura fortuna sarebbe riuscita a rimanere a galla.

Così, dopo gli ultimi arrivi di ieri, la più grande delle isole pelagie è stata ancora una volta presa d’assalto. L’allarme è scattato all’alba di questa mattina, quando le motovedette della guardia di finanza già di pattuglia hanno notato il peschereccio in avvicinamento. Proprio a causa dell’affollamento a bordo del natante, è stato deciso di trasferire alcuni degli extracomunitari sulle imbarcazioni della capitaneria di porto.

Lo sbarco al molo Favarolo è avvenuto intorno alle 9.30. Subito dopo gli stranieri sono stati sottoposti alle consuete procedure di identificazione e controllo sanitario. Tutti loro raggiungeranno poi l’hotspot di contrada Imbriacola, che già adesso conta ben 700 ospiti, a fronte di una capienza massima di soli 250 posti.

Il centro d’accoglienza si trova da tempo in grave difficoltà, tanto che le autorità locali stanno cercando di fare il possibile per trasferire alcuni dei migranti, senza però ottenere grandi risultati a causa dei continui sbarchi. Nella serata di ieri, ad esempio, 80 stranieri di diverse nazionalità sono stati imbarcati sul traghetto Cossyra, arrivato stamani a Porto Empedocle.

Open Arms assiste altri migranti

Intanto arriva la notizia di altri stranieri individuati dalla ong Open Arms, di nuovo operativa con Missione 84. “Astral assiste due imbarcazioni di legno in condizioni precarie nel Mediterraneo con un totale di 31 persone a bordo, tra cui 6 bambini, a sud di Lampedusa“, annuncia l’equipaggio su Twitter. Gli stranieri sarebbero già stati recuperati dalla guardia costiera italiana.

L’attacco di Salvini

Una politica, quella del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese che continua a far discutere ed a provocare fortissime polemiche. Oltre alla gestione dei migranti, resta ben presente il caso del rave party. Ancora una volta si fa sentire l’ex vicepremier e leader della Lega Matteo Salvini che, commentando la situazione di Lampedusa, attacca su Twitter: “Letta dice che ‘La Lamorgese non si tocca’, intanto altri 400 clandestini sbarcano a Lampedusa. Pagano Letta e Lamorgese?“.

L’appello del sindaco

“A Lampedusa arrivano circa 450 migranti, uno dei più grossi sbarchi degli ultimi tempi. Ancora una volta l’isola si prepara ad affrontare da sola il peso dell’accoglienza umanitaria. Sono il primo a dire che bisogna sostenere, a tutti i livelli, l’impegno della comunità internazionale di fronte al dramma che si sta vivendo in Afghanistan, ma è giusto ricordare che ci sono altri territori e paesi nei quali vengono quotidianamente negati i diritti umani e diritti fondamentali come quello alla salute, all’istruzione, al cibo“, ha dichiarato il primo cittadino Totò Martello, come riportato da ItalPress.

Per il sindaco è necessario prestare attenzione alla situazione dell’Afghanistan, garantendo corridoi umanitari, ma servono strumenti e misure specifiche per il sostegno ai territori di confine come l’isola di Lampedusa. “In questo senso mi auguro che l’Europa ed i suoi Stati membri ripensino i criteri che hanno portato a scrivere il nuovo Patto su migrazione e diritto d’asilo che al momento è impostato più sui rimpatri che sull’integrazione e l’accoglienza, anche riprendendo i contenuti del Global Compact for Migration, il documento delle Nazioni Unite che indica i principi per migrazioni ordinate, regolari e sicure“, ha aggiunto Martello.

Leggi la notizia su Il Giornale

L'articolo Scafismo di Stato: la Capitaneria traghetta altri 400 clandestini a Lampedusa. “Pagano Letta e Lamorgese?” proviene da Rassegne Italia.