Rivelazione choc del professor Haussler: “I morti da Covid sono l’80% in meno di quelli ufficiali!”, l’intervista

Di Michele CrudeliniMorti con il Covid o per il Covid? Il numero dei decessi reali dovuti a questo virus probabilmente non si saprà mai, così come la sua effettiva letalità. Tuttavia numerosi dubbi sono stati sollevati da personaggi autorevoli in merito alle modalità di conteggio utilizzate, che potrebbero aver gonfiato i dati.

La sconvolgente intervista del Professor Haussler

L’ultima voce in questo senso è arrivata dalla Germania. Si tratta del Professor Bertram Haussler, medico e docente all’Università di Berlino nonché Presidente del centro di ricerca sanitario IGESHaussler è stato recentemente intervistato dal noto quotidiano tedesco Die Welt proprio sulla questione del conteggio dei decessi dovuti al Covid.

“Il Coronavirus probabilmente non è la causa della morte nell’80% dei decessi ufficiali registrati come Covid”, così titola il giornale tedesco riassumendo quella che è la posizione dell’accademico.

Una rivelazione decisamente sconvolgente e che metterebbe così in crisi l’intero impianto su cui sono state prese scelte di politica sanitaria decisamente invasive. Nell’intervista Haussler spiega in maniera approfondita le sue ragioni.

Sono stati segnalati più decessi di quelli effettivamente dovuti al Coronavirus. Abbiamo infatti scoperto che in un buon 80 per cento dei decessi ufficiali registrati per Covid segnalati dall’inizio di luglio, l’infezione risaliva a più di cinque settimane prima e si deve quindi presumere che il coronavirus non sia stato la vera causa della morte.

Secondo il docente i sanitari tedeschi avrebbero quindi molte volte conteggiato tra i morti di Covid anche persone che avevano contratto la malattia più di cinque settimane prima e il cui decesso sarebbe stato quindi ormai impossibile imputare a questo virus.

Il capovolgimento dello scenario secondo Haussler

Haussler specifica che in altri Paesi, come nel Regno Unito, questo conteggio è stato più preciso perché si è posto un limite di tempo di quattro settimane dalla contrazione del Covid al decesso per ufficializzarne la correlazione.

I dati del dottor Haussler, se confermati, consegnerebbero quindi un quadro completamente rovesciato di ciò che abbiamo visto e vissuto da un anno e mezzo a questa parte. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria ad oggi la Germania ha infatti registrato ufficialmente circa 92.200 decessi dovuti al Covid.

Se a questa cifra si dovesse quindi sottrarre l’80% paventato dal medico tedesco, ci ritroveremmo in uno scenario con 18.440 morti dovuti al Covid in Germania dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Per avere un termine di paragone è sufficiente prendere i dati forniti dal Robert Koch Institute che aveva stimato in 25.100 le persone decedute in Germania a causa dell’influenza nel periodo autunno inverno tra il 2017 e il 2018.

Lockdown, mascherine, distanziamento e pressione per la vaccinazione sarebbero quindi stati introdotti per arginare un virus con una mortalità inferiore a quella dell’influenza stagionale.

Le istituzioni sono a conoscenza dei dati distorti?

Alla domanda della giornalista del Die Welt se le autorità sanitarie tedesche siano a conoscenza di questa distorsione dei fatti, il dottor Haussler risponde con certezza:

Lo sanno, lo sanno e lo confermano, ma vogliono assicurarsi che non manchino morti per coronavirus dalle statistiche. In considerazione della massa di tali rapporti, le statistiche sui decessi stanno diventando sempre più distorte.

La rivelazione di Haussler era stata in qualche modo anticipata già anche in Italia, dove per bocca dell’infettivologo Matteo Bassetti si erano sollevate simili constatazioni:

Abbiamo un peccato originale che riguarda marzo-aprile 2020, dove chiunque arrivasse in ospedale con un tampone positivo, anche che aveva un infarto, veniva qualificato come morto per Covid.

Aveva così dichiarato in tempi non sospetti. Ci troviamo quindi di fronte ad un grande bluff, per cui l’utilizzo distorto dei dati avrebbe prodotto un’emergenza altrimenti inesistente? Le autorità sanitarie tedesche potranno rispondere smentendo Haussler, altrimenti un loro silenzio potrebbe far crollare l’intera narrazione.

Leggi la notizia su Byoblu

L'articolo Rivelazione choc del professor Haussler: “I morti da Covid sono l’80% in meno di quelli ufficiali!”, l’intervista proviene da Rassegne Italia.