ResQ, l’amm. De Felice: “L’Ong dei radical chic italiani batte bandiera tedesca ma scarica i clandestini da noi”

Di Adolfo Spezzaferro – Roma, 19 ago – “Battente bandiera tedesca e finanziata dall’Unione buddista italiana, la ResQ People spalanca le porte della Sicilia a 166 clandestini“: va all’attacco della Ong italiana l’ammiraglio (ris) Nicola De Felice.

“Clandestini peraltro recuperati davanti alle coste libiche, in acque Sar di competenza maltese, e sbarcati ad Augusta”, fa presente De Felice, esperto di diritto marittimo e da sempre schierato contro le navi Ong e la tratta di immigrati irregolari nei nostri mari. Mentre imperversano gli sbarchi, abbiamo fatto il punto sulla nave Ong che ha a bordo (anche) Cecilia Strada.

Ammiraglio De Felice, parliamo dello strano caso della ResQ People

“L’imbarcazione dell’intellighenzia sinistrorsa milanese ha già svolto il ruolo di ‘fattore di attrazione’ nel Mediterraneo per i mercanti di essere umani con l’organizzazione tedesca Sea-Eye e con il nome di Alan Kurdi. Costata alla Ong italiana 400mila euro con il contributo dell’Unione buddhista italiana, la ResQ People batte bandiera tedesca e si aggiunge alla numerosa flotta delle navi Ong verso le quali gli scafisti inviano sottobordo numerosi barchini pieni di migranti economici, pronti a pagare migliaia di euro per sperare di approdare in Italia”.

Chi c’è dietro la nave Ong?

“La nave è gestita dalla Ong italiana ResQ People Saving People, della quale presidente è Luciano Scalettari, vicecaporedattore di Famiglia Cristiana e ha come presidente onorario l’ex magistrato Gherardo Colombo. Insieme all’enorme nave Ong norvegese Geo Barents con a bordo 214 clandestini, la Resq People ha chiesto e ottenuto dall’Italia di scaricare la sua mercanzia umana in terra italica invece di rispettare le norme internazionali previste per lo Stato di bandiera”.

Cosa prevedono le norme in questione?

“Prevedono lo sbarco in Germania e in Norvegia. L’equipaggio, di cui fa parte anche Cecilia Strada, figlia del fondatore di Emergency, ha chiesto più volte l’assegnazione di un porto sicuro. L’aereo privato Colibrì di Pilotes Volontaires, altri compari della flotta delle navi ‘pull factor’, è entrato in azione e segnala i barchini che escono dalla costa libica. Ai trafficanti di esseri umani non pare vero avere delle occasioni del genere, dove navi del nord Europa si presentano davanti a Zuara per ricevere il meritato premio dopo giorni di attesa.

A rimetterci è sempre l’Italia…

“Esattamente. Mentre il nostro ministro degli Esteri continua le sue ferie sotto l’ombrellone, la Sicilia vive ancora una volta un’estate di emergenza sia in termini di sicurezza sociale sia sanitaria. Dopo i bengalesi, seconda etnia in termini numerici sbarcata in Italia negli ultimi anni, aspettiamo senz’altro che il business delle organizzazioni criminali internazionali si adeguino alle leggi del mercato inserendo nel flusso della migrazione clandestina la massa di afghani in fuga dai talebani. Ma veramente ci meritiamo tutto questo?”

Adolfo Spezzaferro

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale

L'articolo ResQ, l’amm. De Felice: “L’Ong dei radical chic italiani batte bandiera tedesca ma scarica i clandestini da noi” proviene da Rassegne Italia.