Prato, non è soddisfatto del taglio di capelli: bengalese armato di spranga distrugge il negozio del barbiere

Da Il Tirreno – PRATO. Insoddisfatto del taglio dei capelli che gli era stato fatto in un negozio di barbiere, un bengalese di 66 anni si è armato di una spranga di metallo e ha sfasciato la vetrina del negozio, gestito da un cittadino straniero. E’ successo nella serata di ieri, 18 agosto, nel centro storico di Prato, dove alcuni passanti hanno segnalato alla polizia la presenza di un uomo armato di un tubo di ferro lungo un metro che si era accanito contro la vetrina.

Mentre le volanti si dirigevano verso la zona segnalata, l’uomo se l’è presa anche con la vetrina di un negozio di telefonia, anche questo gestito da un cittadino straniero in via del Filippino. Il bengalese è stato poi rintracciato dalla polizia in piazza Mercatale.

Aveva ancora in mano il tubo di ferro ma si è rifiutato di gettarlo a terra, tanto che alla fine gli agenti sono stati costretti a usare lo spray al peperoncino per riuscire a bloccare l’esagitato, che poi è stato portato in ospedale per le cure del caso. Interrogato sul perché se la fosse presa con la vetrina del parrucchiere, l’uomo ha spiegato che aveva voluto vendicarsi perché gli era stato fatto un taglio di capelli che non lo aveva soddisfatto.

Il bengalese è regolarmente residente a Prato e ha qualche precedente penale, oltre verosimilmente a qualche problema psichico. E’ stato denunciato per danneggiamento e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

Leggi la notizia su Il Tirreno

L'articolo Prato, non è soddisfatto del taglio di capelli: bengalese armato di spranga distrugge il negozio del barbiere proviene da Rassegne Italia.