Palermo: mentre Orlando pensa ad accogliere gli afghani, nel cimitero esplodono per il caldo le bare accatastate

Mentre l’indegno sindaco di Palermo, Orlando, amico di trafficanti e scafisti, si dice pronto ad accogliere i clandestini afghani, nei cimiteri della città le 1.000 bare accatastate esplodono per il caldo.

Da Sputnik NewsA denunciare la presenza di centinaia di feretri accatastati da mesi all’interno di tensostrutture e uffici amministrativi è il Giornale di Sicilia. E Matteo Salvini annuncia un sopralluogo nel cimitero palermitano. Quasi mille bare accatastate sotto tende e gazebo, alcune da oltre un anno.

Ci sono feretri esplosi a causa del caldo, bare che perdono liquidi, sporcizia e ragnatele. È un vero e proprio scempio quello documentato dal Giornale di Sicilia, che denuncia come nel cimitero dei Rotoli di Palermo stazionino, dal 2020, centinaia di salme che non riescono ancora a trovare una degna sepoltura.

La segnalazione è arrivata lo scorso 3 agosto proprio dalla società che opera all’interno del cimitero. Secondo quanto dichiarato dal direttore del camposanto, Leonardo Cristofaro, allo stesso quotidiano, alla base del caos ci sarebbe la “mancanza di fosse dove operare inumazioni”.

Insomma, sarebbe impossibile, secondo i vertici del cimitero, seppellire i corpi perché non ci sono più posti all’interno della struttura. E il rischio, se non si interviene tempestivamente, è quello di una vera e propria emergenza sanitaria. “Numerosi feretri hanno cominciato a percolare copiosamente”, ha spiegato Cristofaro al Giornale di Sicilia, per questo c’è bisogno di una “immediata inumazione” o dell’acquisto “improcrastinabile e urgentissimo di un congruo numero di sovracasse di zinco”.

Le bare, sempre secondo il racconto del quotidiano locale, sono accatastate ovunque, lungo i viali del cimitero, coperte da tensostrutture e addirittura all’interno di alcuni uffici amministrativi. Sono 242 quelle che si trovano a terra e 733 quelle impilate sugli scaffali. Uno scenario da brividi, che porta con sé anche una serie di potenziali rischi per la salute, complici anche le alte temperature del periodo.

Secondo una nota diffusa dagli uffici della Lega in Senato, il “grave pericolo sanitario” sarebbe stato confermato anche dal Comune di Palermo. Il caso del cimitero di Rotoli, infatti, è approdato anche in Parlamento, con Matteo Salvini che ha annunciato di voler presentare una interrogazione sulla vicenda e di voler effettuare al più presto un sopralluogo sul posto per verificare di persona la situazione all’interno della struttura.

Leggi la notizia su Sputnik News

L'articolo Palermo: mentre Orlando pensa ad accogliere gli afghani, nel cimitero esplodono per il caldo le bare accatastate proviene da Rassegne Italia.