Milano, dipendente dell’ospedale stuprata mentre va a lavorare: arrestato nordafricano irregolare

(ANSA) – MILANO, 27 AGO – La Squadra mobile di Milano ha fermato oggi un uomo accusato di aver violentato la mattina del 9 agosto una dipendente dell’ospedale San Raffaele che si stava recando a lavorare. Il fermo è stato eseguito nell’inchiesta dell’aggiunto milanese Letizia Mannella e del pm Rosaria Stagnaro. La violenza ai danni della giovane ventenne è avvenuta in strada nei pressi della zona di Cascina Gobba, non lontano dall’ospedale.

Il fermato è un uomo di circa 30 anni, di origine nordafricana. Decisive nelle serrate indagini degli investigatori le analisi delle telecamere e anche il ‘match’ del Dna. Stando a quanto ricostruito nelle indagini, l’uomo, senza permesso di soggiorno e senza precedenti penali, ha visto passare la giovane che, verso le 6.30 del mattino, si stava recando a piedi in ospedale dove lavora e l’ha aggredita, trascinandola in una zona non visibile e chiusa a lato della strada e l’ha violentata.

Si è arrivati, poi, nel giro di pochi giorni al fermo per violenza sessuale perché gli investigatori della Squadra mobile hanno analizzato tutte le telecamere di sorveglianza della zona, frame dopo frame, incrociando questi dati con i tabulati telefonici. Decisivo è stato anche il riscontro ottenuto con lecanalisi sul Dna, che hanno fornito un ‘match’ tra quello dell’aggressore e quello che era stato rintracciato.

Leggi la notizia su Ansa

L'articolo Milano, dipendente dell’ospedale stuprata mentre va a lavorare: arrestato nordafricano irregolare proviene da Rassegne Italia.