La “boiata” del “costituzionalista” rosso Cerotto: “Escludere i non vaccinati dal servizio sanitario nazionale”

di Filippo Burla – Roma, 29 ago – Ci mancava pure il costituzionalista. Parliamo di Alfonso Celotto, ordinario di diritto costituzionale a Roma Tre, il quale ritiene che sia perfettamente in linea con la nostra Carta escludere i non vaccinati dalle prestazioni del Servizio sanitario nazionale. Lo fa in un intervento sul suo blog (ospitato da Huffpost Italia) chiedendosi, qualora venisse imposto un obbligo vaccinale, quale potrebbe essere la giusta sanzione da irrogare ai renitenti alla puntura.

Il professore sgombra subito il campo dalla possibilità di un’ammenda pecuniaria, in quanto la multa “diventerebbe il prezzo per non vaccinarsi”. Non considera – bontà sua – la possibilità di far diventare la mancata inoculazione del siero un reato. E nemmeno quella – troppa grazia – di interdizione dai pubblici uffici. Ecco allora la trovata: “una sanzione di quelle che vengono chiamate “ripristinatorie”, cioè più legate al ripristino dell’interesse pubblico violato”. Quale sarebbe? Impedire ai non vaccinati l’iscrizione al Ssn, mettendo così a loro carico il pagamento delle eventuali cure a cui dovessero sottoporsi. “Ovviamente fino a quando non decidono di vaccinarsi”, chiosa Celotto.

I non vaccinati esclusi dal Ssn: una proposta che non sta in piedi

La proposta del costituzionalista è irricevibile per più motivi. Anzitutto per una ragione di merito, a sua volta articolata su più punti. Non è infatti, ad oggi, dimostrato che i vaccinati non siano contagiosi. Al contrario: par di capire che possano esserlo comunque, sia pur in misura inferiore ai non vaccinati. E però, con il green pass in mano, hanno allo stesso tempo la possibilità di circolare maggiormente, contribuendo quindi alla diffusione del virus. In secondo luogo, i dati più recenti su decessi e ospedalizzazioni ci raccontano di un numero sempre più alto di vaccinati con doppia dose che finiscono in terapia intensiva (sono quasi il 20% del totale) o che proprio non ce la fanno (il 27%).

Insomma, l’efficacia dei vari Pfizer, Moderna e via dicendo sembra una certezza granitica come quelle, che spesso si sciolgono come neve al sole nel giro di pochi giorni, di alcuni virologi da salotto. Senza poi considerare il rischio di reazioni avverse, peraltro apparentemente a maggior incidenza in quelle fasce di età più giovani e meno a rischio (se non a rischio zero) di decesso o ricovero per Covid. Detta in altre parole: laddove le incertezze superano le certezze, un minimo di attenzione a parlare di obblighi e imposizioni sarebbe d’uopo.

Continua a leggere su Il Primato Nazionale

 

L'articolo La “boiata” del “costituzionalista” rosso Cerotto: “Escludere i non vaccinati dal servizio sanitario nazionale” proviene da Rassegne Italia.