Gli “interlocutori” di Conte: “La musica sarà proibita, è contro l’Islam”. “Le donne devono essere orgogliose di noi”

(Adnkronos) – La musica sarà proibita in Afghanistan in pubblico sotto il nuovo regime dei talebani. Ad annunciarlo è stato il portavoce, Zabihullah Mujahid, in una intervista al New York Times. “La musica è proibita nell’Islam, ma speriamo che riusciremo a persuadere la gente a rinunciare, senza dover esercitare pressioni”, ha detto.

Il divieto è analogo a quello in vigore tra il 1996 e il 2001, negli anni in cui i talebani controllavano il paese. Secondo Newsweek, Mujahid è candidato alla carica di ministro dell’Informazione e della Cultura nel nuovo governo.

A Nbc News, Mujahid ha detto che i talebani concederanno alle donne “tutti i diritti che l’Islam promette” e che le cittadine afghane “possono diventare dottori e insegnanti, possono essere istruite e lavorare a favore della società”. “Sono sorelle -ha aggiunto- dobbiamo mostrare rispetto verso i loro confronti, non devono aver paura. I talebani sono essere umani, di questo paese. Hanno lottato per il nostro paese. Le donne dovrebbero essere orgogliose di noi, non spaventate”.

Leggi la notizia su Adnkronos

L'articolo Gli “interlocutori” di Conte: “La musica sarà proibita, è contro l’Islam”. “Le donne devono essere orgogliose di noi” proviene da Rassegne Italia.