Follia “covidiota” in Australia: ammazzano i cani nei canili per far rispettare il lockdown ai volontari

Di Un po’ di follia legato al covid-19 si sta diffondendo per il mondo e a farne le spese sono stati gli animali. Secondo quanto riportato dal Sydney Morning Herald il Bourke Shire Council, ha soppresso i cani del proprio rifugio per animali per impedire che i volontari di un rifugio della vicina città di Cobar si muovessero e andassero a prenderli la scorsa settimana.

“L’OLG (il gruppo che si occupa degli animali) è stato informato che il consiglio ha deciso di prendere questa linea d’azione per proteggere i suoi dipendenti e la comunità, comprese le popolazioni aborigene vulnerabili, dal rischio di trasmissione di COVID-19”, ha affermato un portavoce dell’agenzia governativa. Secondo il rapporto, i volontari del rifugio avevano predisposto misure anti-Covid per gestire i cani, uno dei quali e aveva appena partorito.

“Siamo profondamente angosciati e completamente sconvolti da questa spietata esecuzione di cani e respingiamo totalmente le giustificazioni inaccettabili del consiglio secondo cui questo omicidio è stato apparentemente intrapreso come parte di un piano sicuro per il COVID”, ha detto all’Herald Lisa Ryan, responsabile della campagna regionale per la liberazione degli animali.

Il NSW, lo stato più popoloso dell’Australia, è rientrato in un rigoroso blocco due settimane fa, quando i funzionari hanno schierato l’esercito e hanno minacciato di andare “porta a porta” per far rispettare le restrizioni e i test COVID obbligatori sugli australiani, secondo il primo ministro dello stato del Victoria, Daniel Andrews.

Nel frattempo, nella terra degli omicidi di cani, un australiano è stato ricoverato forzatamente in un istituto psichiatrico per aver rifiutato il vaccino.

L’Australia sta perdendo un po’ la testa.

Leggi la notizia su Scenari Economici

L'articolo Follia “covidiota” in Australia: ammazzano i cani nei canili per far rispettare il lockdown ai volontari proviene da Rassegne Italia.