Ecco a voi le femministe di sinistra francesi: “Terroristi islamici tra i profughi afgani? Meglio così”

Di Mauro Zanon – «Se ci sono dei potenziali terroristi in Afghanistan, forse è meglio averli qui in Francia, perché ci permetterebbe di sorvegliarli». Lo ha detto veramente Sandrine Rousseau, vicepresidente dell’Università di Lille, femminista e candidata dei Verdi francesi alle elezioni presidenziali del prossimo anno.

Lo ha detto mercoledì ai microfoni di Bfm.tv, mentre da Kabul continuavano ad arrivare terribili notizie e nei giorni in cui i servizi di sicurezza francesi hanno messo sotto stretta sorveglianza cinque afghani appena atterrati in Francia, in ragione dei loro legami con i talebani.

La Rousseau si era già fatta notare per le sue uscite kamikaze a fine luglio, quando disse che «le donne, i neri e i musulmani sono dei resistenti» e che «l’ecologia non ha nulla a che vedere con gli uomini bianchi che vanno in bicicletta in città». Ai microfoni di France Inter, colei che aspira a diventare la prossima inquilina dell’Eliseo ha ammesso di aver pronunciato una frase «maldestra». Bisognerebbe ricordarle che “contenere” il rischio terroristico in Francia si è rivelato piuttosto complicato negli ultimi anni.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano

L'articolo Ecco a voi le femministe di sinistra francesi: “Terroristi islamici tra i profughi afgani? Meglio così” proviene da Rassegne Italia.