Danimarca, il Ministro della Salute: “Il Covid non è più una minaccia, dal 10 settembre via tutte le restrizioni”

Di Ilaria Paoletti – Copenhagen, 27 ago  – Secondo il ministro della Salute della Danimarca “il virus non è più considerato una minaccia per la società”.

Danimarca, via le restrizioni

Ecco perché in Danimarca il governo le restrizioni anti-Covid “spariranno” a partire dal 10 settembre. Secondo TgCom, questo risultato sarebbe possibile perché i cittadini danesi avrebbero raggiunto cifre record di vaccinazione: il 70% della popolazione, infatti, avrebbe terminato il ciclo vaccinale. arrivando a completare il ciclo per  Un risultato possibile perché i cittadini che hanno completato il ciclo di vaccinazione sono il 70% della popolazione totale.

“Ma non siamo usciti dalla pandemia”

Nella nota, il ministro Magnus Heunicke ha definito il tasso di immunizzazione raggiunto “da record”, aggiungendo che “l’epidemia è al momento sotto controllo”. Una distensione che non deve però essere confusa con uno scampato pericolo: “Non siamo usciti dalla pandemia”, sottolinea il politico danese, “e il governo non esiterà ad agire rapidamente se la minaccia tornerà nuovamente a minare le funzioni essenziali della società”.

“Un rischio calcolato”

Secondo quanto riporta Il Foglio, in Danimarca ad agosto ci sarebbe stata una media di circa 900 casi al giorno, dato ben più alto dei 151 casi registrati a fine giugno. Sono sicuramente limitati i decessi da Covid, perché se ne sono registrati 3 nei primi 10 giorni di agosto. L’incremento dei casi sarebbe tuttavia coinciso con la riapertura degli uffici, mentre a breve riapriranno anche le scuole con la didattica in presenza. Sebbene sia dunque previsto un aumento dei contagi sull’onda della variante Delta, era già prevista una riapertura progressiva definita “rischio calcolato”.

Ilaria Paoletti

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale

L'articolo Danimarca, il Ministro della Salute: “Il Covid non è più una minaccia, dal 10 settembre via tutte le restrizioni” proviene da Rassegne Italia.