Afgano dice di essere un rifugiato in fuga dai talebani: in realtà era membro di una pericolosa banda criminale

Da SputnikNews – Un membro pregiudicato di una banda criminale è riuscito ad imbarcarsi su uno dei voli di evacuazione da Kabul alla Danimarca, per poi cercare di ingannare i controlli e tentare così di entrare nel Paese scandinavo. L’uomo ha poi usato il nome del fratello per farsi registrare come profugo.

Secondo quanto riporta Danish Radio, il giovane di 23 anni, membro della famigerata banda Loyal to Familia, era stato espulso dalla Danimarca a luglio, dopo aver scontato una condanna di cinque anni per possesso di arma da fuoco. All’aeroporto di Copenhgen, l’uomo è stato, tuttavia, intercettato in arrivo da uno dei voli di evacuazione da Kabul. Appena scoperto, è stato immediatamente arrestato, dopo di che ha confessato la sua vera identità.
In tribunale ha detto di essere salito sull’aereo “per mettersi in salvo”, in seguito alla presa della capitale afghana da parte dei talebani*. Il tribunale ha finora ordinato di trattenere l’uomo in custodia per 24 giorni, in attesa del processo per violazione del divieto d’ingresso.
Il 23enne, cresciuto in Danimarca, in tribunale ha spiegato che sia suo padre, che diversi fratelli sono nel paese. Uno dei suoi fratelli, arrivato anche lui di recente dall’Afghanistan, ha descritto la situazione in patria come “caotica”.
“Abbiamo passato l’inferno negli ultimi giorni. Ha bisogno di aiuto”, ha detto il fratello alla radio danese.
La Danimarca ha finora evacuato più di 650 persone dall’Afghanistan, con più voli programmati da Kabul, via Islamabad e Dubai.
La banda Loyal to Familia (LTF), fondata nel 2013 nei sobborghi di Copenaghen, era la più grande della Danimarca, ma è stata poi bollata come associazione criminale. Secondo la polizia, sarebbe stata coinvolta in almeno 63 episodi di sparatorie, che hanno provocato la morte di cinque persone e molti altri feriti. Dall’Alta Corte è emerso anche che 372 membri della banda, tra ex e membri attivi, hanno ricevuto un totale di 1.409 anni di carcere per vari reati.
Tuttavia, la banda sta ancora cercando di annullare il bando, citando la libertà di associazione.

Leggi la notizia su SputnikNews

L'articolo Afgano dice di essere un rifugiato in fuga dai talebani: in realtà era membro di una pericolosa banda criminale proviene da Rassegne Italia.