NIAID e MODERNA avevano il Vaccino COVID già nel dicembre 2019

 

Sono successe così tante cose nell’ultimo anno che può essere difficile ricordare com’era la vita prima della COVID. Ma torniamo indietro al dicembre 2019, quando l’idea di distanziamento sociale, obbligo di mascherine e isolamento sarebbe stata accolta con incredulità e indignazione dalla maggior parte degli Americani.

A quel tempo, la maggior parte di noi era beatamente ignara della pandemia che avrebbe cambiato il mondo nei mesi successivi. Era stato il 31 dicembre 2019 quando il primo focolaio di COVID-19 era stato segnalato a Wuhan, in Cina [1], e, a quel punto, si parlava solo di casi di polmonite virale, non di un nuovo coronavirus [2]. Dico “la maggior parte” perché sembra che alcune persone avessero una conoscenza anticipata di qualcosa che doveva ancora accadere.

In documenti riservati [3] rivelati dal blog inglese The Daily Expose, Moderna, insieme al National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), il 12 dicembre 2019 aveva inviato alla University of North Carolina a Chapel Hill vaccini candidati mRNA per un coronavirus – cosa questa che dovrebbe far scattare subito un campanello d’allarme. Come riportato da The Daily Expose [4]:

“Cosa sapevano Moderna [e il NIAID] che noi non sapevamo? Nel 2019 non c’era nessun nuovo coronavirus che rappresentasse una minaccia per l’umanità da giustificare [la necessità di] un vaccino e l’evidenza suggerisce che non c’è stato nessun nuovo coronavirus che rappresentasse una minaccia per l’umanità neanche nel 2020 e 2021”.

Evidentemente il Vaccino candidato COVID-19 era stato realizzato prima della Pandemia...Continua su Articolo Originale...