Gli inglesi si inginocchiano contro il razzismo ma riempiono di insulti razzisti i giocatori neri che sbagliano i rigori

di Penelope Corrado – Londra, in queste ore, si interroga anche sulla questione razziale. La Federazione di calcio inglese si è detta “disgustata” per gli insulti razzisti sui social nei confronti dei tre giocatori di colore della nazionale che hanno sbagliato i rigori nella finale contro l’Italia, Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka.

“Siamo disgustati di vedere che membri del nostro team, che hanno dato tutto, sono stati sottoposti ad aggressione discriminatorie sul web dopo il match di ieri sera – ha scritto la Fa sul suo account twitter – I giocatori hanno il nostro sostegno”.

In un comunicato, la Federazione ha poi ribadito “la condanna di ogni forma di discriminazione” e si è detta “preoccupata per il razzismo diffuso sui social contro alcuni giocatori inglesi: noi diciamo nel modo più chiaro che chiunque sia dietro questi comportamenti così ripugnanti non è il benvenuto tra i fan di questa squadra”.

E sul tema è intervenuto in prima persona il premier Boris Johnson. Gli inglesi che hanno coperto di “insulti razzisti sui social media” i tre giocatori della nazionale britannica che hanno sbagliato i rigori contro l’Italia dovrebbero “vergognarsi di se stessi”. A dirlo è stato il premier britannico, spiegando che i calciatori dell’Inghilterra “meritano di essere trattati da eroi”, e che gli insulti sono invece “spaventosi abusi”.

Leggi la notizia su Il Secolo D’Italia

L'articolo Gli inglesi si inginocchiano contro il razzismo ma riempiono di insulti razzisti i giocatori neri che sbagliano i rigori proviene da Rassegne Italia.