Furia di Orban contro il “banditismo” Ue: “Vogliono far entrare gli attivisti Lgbt nelle scuole. Lo impediremo”

(ANSA) – BRUXELLES –  “La protezione dei minori non ha nulla a che vedere con il Recovery fund”, i fondi per la ripresa “sono dovuti ai cittadini ungheresi, non bisogna mischiare questioni politiche e ideologiche con questioni economiche e finanziarie”.

Così la ministra della Giustizia ungherese Judit Varga ad una domanda sulla procedura di infrazione aperta da Bruxelles per la legge che discrimina la comunità Lgbt+.

Varga ha spiegato che i negoziati sul Recovery erano stati buoni ma che la Commissione ha “cambiato” a causa della “pressione politica” ed ha insistito che la legge “sulla protezione dei bambini” non è in conflitto col diritto europeo.

La procedura di infrazione contro l’Ungheria per la legge anti-Lgbtq, avviata dalla Commissione europea, non è altro che “banditismo giuridico”, e Bruxelles “non ha competenza in materia”. Lo ha detto il premier Viktor Orban nella radio pubblica Mr, nel suo discorso settimanale.

“La Commissione europea vuole costringerci a fare entrare nelle scuole attivisti-Lgbtq, mentre l’educazione dei figli in materia di sessualità è competenza esclusiva dei genitori”, ha ripetuto la posizione di Budapest, rifiutando ogni cambiamento nella legge controversa.

Leggi la notizia su Ansa

L'articolo Furia di Orban contro il “banditismo” Ue: “Vogliono far entrare gli attivisti Lgbt nelle scuole. Lo impediremo” proviene da Rassegne Italia.