È in arrivo in Italia un esercito di clandestini, ma l’ UE se ne frega: “Non è di nostra competenza”

Mentre a Lampedusa è piena emergenza a causa del sovraffollamento dell’hotspot dovuto all’accoglienza indiscriminata che continua ad andare avanti senza sosta nonostante tutto, la nave ong Ocean Viking annuncia di essere in arrivo con altri 572 migranti. Nessun segnale positivo dall’Unione europea, che mette le mani avanti: “Non possiamo indicare noi i luoghi di sbarco“.

L’imbarcazione, gestita da “Sos Mediterranèe”, una delle cosiddette organizzazioni non governative con sede a Marsiglia, ha annunciato su Twitter di aver ampliato il numero degli individui a bordo dopo un’ulteriore operazione definita “di salvataggio” al largo della Libia. A seguito di quest’ultimo intervento, pertanto Ocean Viking si trova a traghettare complessivamente 572 extracomunitari, come comunicato dalla stessa Ong Sos Mediterranèe sui social network.

A bordo del natante vi erano già ben 202 stranieri, raccolti durante numerose operazioni condotte nel Mediterraneo centrale, quando è stato effettuato l’ultimo recupero. “Dopo oltre cinque ore di operazione, 369 persone sono state evacuate in sicurezza da una barca che ha rischiato più volte di ribaltarsi”, ha cinguettato l’organizzazione non governativa. Operazione condotta ancora una volta al largo delle coste della Libia: gli extracomunitari, ci tiene a precisare Sos Mediterranèe, si trovavano a bordo di una “grande imbarcazione in legno” individuata dai radar di Ocean Viking“nella zona di ricerca e salvataggio libica”.

Tra i 369 extracomunitari, almeno secondo i dati diffusi dalla Ong con sede a Marsiglia, vi sarebbero “9 donne, 1 neonato, 2 bambini e 110 minori non accompagnati”.

Lamorgese, “Stiamo operando”

Il ministro dell’Interno, che ha inaugurato una mostra fotografica dedicata a Diego Armando Maradona nel Centro commerciale “Jambo” di Trentola Ducenta a Caserta, ha commentato anche la situazione nell’isola delle Pelagie. A specifica domanda, la titolare del Viminale ha così replicato:“Gli sbarchi a Lampedusa, nel periodo estivo, purtroppo ci sono sempre stati. La preoccupazione c’è, ma stiamo operando”.

Lampedusa al collasso

Nonostante che l’allarme Covid nel continente Africano abbia assunto proporzioni decisamente più preoccupanti, comunque, a Lampedusa proseguono gli sbarchi a cadenza quotidiana. Solo nella giornata di sabato sono stati 12 gli approdi a portare nella maggiore delle Pelagie ben 323 stranieri, a cui si sono aggiunti ieri ulteriori 216 extracomunitari, giunti a bordo di 9 distinte imbarcazioni. Per quanto riguarda la giornata di oggi, almeno al momento, sono 24 i nuovi arrivi: dopo un primo triage sanitario, è stato disposto il loro trasferimento nell’hotspot di contrada Imbriacola, dove si trovano già 388 migranti, a fronte di una capienza di 250 posti.

L’Ue si tira indietro

La Commissione europea non ha la competenza di indicare luoghi di sbarco” ha precisato il portavoce della Commissione europea Adalbert Jahnz, commentando la situazione della Ocean Viking. “Abbiamo però la responsabilità politica, che stiamo esercitando tramite le nostre proposte” ha aggiunto, come riportato da Agi.

Leggi la notizia su Il Giornale

L'articolo È in arrivo in Italia un esercito di clandestini, ma l’Unione Europea se ne frega: “Non è di nostra competenza” proviene da Rassegne Italia.