Bassetti in delirio, paragona i Cortei anti-Green Pass agli attentati della mafia. E il Regime denuncia i manifestanti

– In tutta Italia sono state decine di migliaia le persone che sono scese in piazza per manifestare contro l’obbligo di esibire il green pass per accedere ai ristoranti e alle altre attività ristorative, sociali e culturali. Nei prossimi giorni sono previste altre proteste nelle città del Paese ma in queste ore sono in arrivo le prime denunce per i manifestanti.

A finire nel mirino della giustizia sono stati i contestatori di Pescara, circa mille, confluiti in piazza della Rinascita, meglio nota come Piazza Salotto. La manifestazione, non preavvisata, evolveva in un corteo non autorizzato“, ha spiegato la Questura.

Sanzioni per i manifestanti

La presenza delle forze dell’ordine ha evitato che “un alterco con i promotori di un gazebo di Forza Italia evolvesse negativamente. Successivamente il corteo, anticipato e seguito dalle forze di polizia e dalla Municipale si dirigeva verso il Palazzo del Governo, ove i vari promotori prendevano a turno la parola per protestare contro la politica del Governo e l’ipotizzata dittatura sanitaria“.

La manifestazione di Pescara si è chiusa alle 19.40 senza particolari tafferugli nella città abruzzese. Tuttavia, spiegano dalla Questura, i promotori “molti dei quali già noti alla Digos verranno denunciati per aver partecipato ad una manifestazione non autorizzata. Verranno inoltre sanzionati amministrativamente per essersi assembrati senza indossare la mascherina“.

Da no vax attacchi contro lo Stato

Sui no vax, una parte dei quali da mesi minaccia la sua sicurezza, Matteo Bassetti ha invece sferrato un attacco deciso: Credo che non bisognerebbe derubricare gli attacchi che io e altri riceviamo come l’attacco dello stupido, perché secondo me c’é dietro un’organizzazione che potrebbe essere definita davvero criminale con una strutturazione, come alcuni movimenti no-vax, dove è evidente che dietro c’é finanziamento, testa“.

Ospite di Ponza d’autore, il virologo ha proseguito: “È sbagliato considerare l’attacco no-vax come un attacco perseguibile a querela: oggi è un attacco contro lo Stato e come tale dovrebbe essere perseguito. Non esiste che ieri in piazza la gente sia andata ad attaccare i vaccini in quel modo, perché quello è un attacco contro lo Stato, come se si andasse ad attaccare la magistratura perché persegue la mafia“.

Leggi la notizia su Il Giornale

L'articolo Bassetti delira, paragona i cortei anti-Green Pass agli attentati della mafia. E il regime denuncia i manifestanti proviene da Rassegne Italia.