VACCINI FATALI: IN ITALIA ASTRAZENECA, NEGLI USA MODERNA

 

Fa quasi compassione la magistratura italiana. Ridotta a sequestrare, come riporta Il Tempo, la lettera di convocazione agli Open Day della campagna regionale di immunizzazione, tra cui quello poi risultato fatale alla giovanissima ragazza ligure, per trovare quel cavillo formale fuori posto nel momento in cui c’è una sostanza di omicidi colposi innescati da vaccini sperimentali antiCovid che dovrebbe far scattare un’immediata caccia ai SERIAL KILLER…

Mentre in Italia l’autopsia conferma che la 18enne Camilla Canepa ha avuto il cervello devastato da una tremenda emorragia conseguente ad una trombosi, simile a quelle che sono segnalate tra le “rare” reazioni avverse del siero adenovirale AstraZeneca, dagli Usa giunge l’agghiacciante notizia che una sua coetanea, Simone Scott, 19 anni, è morta per le complicazioni di una miocardite che le aveva spaccato il cuore, tanto da rendere necessario un trapianto, dopo la seconda dose della terapia genica a base di RNA messaggero di Moderna.

C’è da augurarsi che le istituzioni italiane e le autorità sanitarie nazionali leggano anche i siti di controinformazione, accuratamente verificata come Gospa News, e non soltanto le veline del mainstream che loro stessi pagano per diffondere la mendace propaganda PRO-VAX del Ministro della Salute Roberto Speranza secondo cui i vaccini “sono tutti efficaci e sicuri”, anche il famigerato AstraZeneca, limitato agli over 60 proprio dopo la tragica e inquietante morte della ragazzina Camilla di Sesttri Levante (Genova)...Continua su Articolo Originale...