Rampini: «Trump complottista? Su origine del Covid aveva ragione lui» (Video)

 

Roma, 2 giu – Ormai la tesi è sdoganata e, anzi, sta conquistando un consenso sempre maggiore: il Covid non ha avuto origine naturale, ma è un prodotto – probabilmente accidentale – del famigerato laboratorio di Wuhan.

Adesso, infatti, stanno fioccando dozzine di studi che confermano la pista del virus artificiale, ma nella primavera del 2020, ad avanzare questa ipotesi (seppur in maniera circospetta), ci si beccava come minimo l’accusa di complottismo e diffusione di fake news.

E lo stesso è stato per Donald Trump, che è stato trattato dai media in maniera completamente diversa da Joe Biden, che ora ha chiesto all’intelligence statunitense di indagare sull’origine del Covid.

A puntare il dito contro questo comportamento sconsiderato dei media mainstream ci ha pensato, tra gli altri, Federico Rampini. L’inviato di Repubblica, infatti, non le ha mandate a dire ai suoi colleghi, parlando anzi di una «brutta pagina nella storia del giornalismo».

Ospite in collegamento a Cartabianca, Rampini ha smascherato la politica dei due pesi e delle due misure portata avanti dai media sull’origine del Covid: «Il sospetto che il virus sia nato in laboratorio venne avanzato da Trump un anno e mezzo fa e in quel momento tutti, a partire dai media, presero le distanze da lui. 

Oggi viene ripresa la stessa pista senza che ci siano elementi sostanzialmente nuovi», spiega il giornalista di Repubblica.

Eccovi il Video di Rampini:

Il video


Continua su Articolo Originale...