Nuovo allarme sui vaccini: “Basta AstraZeneca ai giovani. Effetti collaterali, mortalità del 20-30%”

Da Affari Italiani – L’emergenza Coronavirus in Italia continua, anche se la campagna vaccinale procede a ritmo spedito. Ma da un gruppo di 24 medici è arrivato un grido d’allarme, con una lettera spedita al governo. “Interrompete gli Open Day dei giovani. AstraZeneca per i ragazzi è pericoloso“. Valeria Poli, docente di Biologia molecolare all’Università di Torino e presidente della Sibbm (Società italiana di biofisica e biologia molecolare), è tra i firmatari dell’appello.

“Dall’ultimo recentissimo report britannico con i dati disaggregati per fasce d’età – spiega Poli al Fatto Quotidiano – siamo a 18 casi di trombosi trombocitopenica indotta da vaccino, Vitt nell’acronimo inglese, per milione di vaccinati tra i 18 e i 49 anni, cioè quasi uno su 50 mila. Si tratta di patologie rare, ma non è eticamente giustificabile esporre le persone a un rischio che comporta, in caso di evento avverso, un 20/30 per cento di letalità”.

“L’unica cosa da fare – prosegue la biologa Poli al Fatto – è riservare AstraZeneca e Johnson & Johnson alle persone sopra i 60 anni, come è raccomandato da Ema e Aifa. Ce ne sono ancora tante non vaccinate e rischiano di più dal Covid e meno per la Vitt. Ma, ripeto, gli Open Days sono fantastici per vaccinare i maturandi e in generale i giovani, che girano di più e possono trasformarsi in un serbatoio di infezione. Bisogna però farlo con Pfizer, che sta arrivando in grandi quantità. Vedo che cominciano a farlo anche a 40/41enni regolarmente prenotati per fascia di età”.

Leggi la notizia su Affari Italiani

L'articolo Nuovo allarme sui vaccini: “Basta AstraZeneca ai giovani. Effetti collaterali, mortalità del 20-30%” proviene da Rassegne Italia.