Non solo trombosi, con il vaccino AstraZeneca si rischia una malattia del sangue: ma cosa ci stanno iniettando?

Da Il Messaggero – Il vaccino Astrazeneca sembra essere associato ad un lieve aumento del rischio di sviluppare la porpora trombocitopenica immune. A dirlo è una ricerca pubblicata sulla rivista Nature dall’Università di Edimburgo, secondo cui si tratta di un rischio importante ma raro e confrontabile a quella di altri vaccini. L’Agenzia europea del farmaco (Ema) ad aprile aveva detto che i casi non rivelavano un quadro capace di confermare una relazione causale con i vaccini di Pfizer e AstraZeneca, ma che avrebbe indagato.

Vaccini e disturbi

Il gruppo guidato da Aziz Sheikh ha analizzato i casi di disturbi tra più di 2 milioni di adulti in Scozia vaccinati tra dicembre e aprile con Pfizer e AstraZeneca. E’ emerso che con AstraZeneca c’era un leggero aumento del rischio di porpora trombocitopenica immune fino a 27 giorni dopo l’inoculazione: mancano però dati sufficienti per concludere che vi sia un nesso tra il vaccino di AstraZeneca e la trombosi dei seni venosi cerebrali, stando ai ricercatori questi dati vanno considerati.

Leggi la notizia su Il Messaggero

L'articolo Non solo trombosi, con il vaccino AstraZeneca si rischia una malattia del sangue: ma cosa ci stanno iniettando? proviene da Rassegne Italia.