Dilaga su Twitter l’hashtag #iononminginocchio. E la sinistra impazzisce: “Da destra tsunami di odio razzista”

Di Alessandro Della Guglia – Roma, 21 giu – Su Twitter impazza l’hashtag #ionominginocchio. Perché c’è un’Italia che ha deciso di non cedere alle pagliacciate politicamente corrette. E soltanto per questo viene tacciata di razzismo. La metà dei calciatori della nazionale in campo contro il Galles ieri sera ha deciso di restare in piedi, evitando di prostrarsi di fronte al conformismo.

Gli autoproclamatisi “antirazzisti” dovrebbero spiegarci per quale motivo bollano come razzista chiunque si rifiuta di non compiere un gesto del tutto inutile. Come se qualcuno, davvero, dovesse compierlo obbligatoriamente per dimostrare di non esserlo, razzista. Bislacco ragionamento.

Twitter, impazza l’hashtag #iononminginocchio

Vorrei capire che c’entra un BLM (che per altro ha trascinato dietro di sé violenza e vandalismi anche contro le radici europee degli USA) con gli #Europei di calcio. Inginocchiarsi è conformismo patetico di chi ha paura di passare per razzista”, fa notare un utente su Twitter. “Queste buffonate ipocrite ed autorazziste hanno ampiamente rotto le scatole. In piedi e schiena dritta. #iononminginocchio”, scrive un altro.

“I discriminati e oppressi, in Italia, sono i pensionati, gli imprenditori che si suicidano, le famiglie impoverite, gli strati popolari a contatto con le risorse del Pd, le vittime del lavoro, i giovani senza futuro. Inginocchiatevi per loro”, cinguetta un altro utente. “#iononminginocchio perché il rispetto per gli altri si manifesta con il modo di pensare e soprattutto con i fatti. Non c’è bisogno di ridicole pantomime che servono solo a squalificare chi le fa”. E ancora: “La nazionale è di tutti e non deve essere strumentalizzata a fini politici tanto meno devono esserne giudicati gli interpreti per aver o non aver fatto un gesto imposto dal politicamente corretto che tanto va di moda ultimamente. Io mi inginocchio solo in chiesa”.

La sinistra non se ne capacita

Scorrendo su Twitter troverete decine di prese di posizione come queste. Ma leggerete anche altri commenti di chi ha deciso di prendersela aprioristicamente con chi rilancia l’hashtag #ionominginocchio. Un livello di ottusità talmente alto che Globalist ha deciso pure di titolare così: “Da destra uno tsunami di odio razzista”. Perché qualcuno proprio non ce la fa a tollerare chi non si piega al verbo dominante. E produce un tornado di idiozie.

Alessandro Della Guglia

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale

L'articolo Dilaga su Twitter l’hashtag #iononminginocchio. E la sinistra impazzisce: “Da destra tsunami di odio razzista” proviene da Rassegne Italia.