Ddl Zan, Alessandro Sallusti attacca: “I fascisti di oggi sono quelli che cantano Bella Ciao”

Di Alessandro Sallusti – Tranquilli, dicono a sinistra che la legge Zan non limiterà le libertà di pensiero e opinione. È la stessa sinistra che in queste ore, con un appello firmato da 150 pseudo illustri economisti d’area, chiede la rimozione di due autorevoli consulenti del governo, Riccardo Puglisi Carlo Stagnaro non perché giudicati incapaci, non perché pregiudicati e neppure perché raccomandati, ma in quanto pensatori liberisti.

Parità di genere quindi per i trans, ma non parità di pensiero per i liberali: un economista che crede nel libero mercato non ha diritto di parola e di rappresentanza, tanto meno di accesso alle stanze del potere. Ieri il fascismo, oggi il liberismo, presto se passa il decreto Zan così come è – il cattolicesimo. Mai l’offensiva per eliminare il pensiero non di sinistra è stata così violenta e diffusa.

La parola d’ordine è “omologarsi” e non mi stupirei se il Pd iniziasse a emanare liste di proscrizione di professori, giornalisti e pensatori da cacciare da università, mezzi di comunicazione e uffici pubblici. Il precedente c’è: 1938, quando in concomitanza con la sciagurata firma delle leggi razziali furono espulsi dagli atenei italiani 96 docenti, ben il 7%, oltre a circa 200 altri ricercatori e liberi insegnanti per il solo fatto che erano ebrei.

Oggi i fascisti non portano la camicia nera, cantano Bella Ciao e hanno in tasca la tessera del Pd o di uno dei tanti partitini d’area. Professori che pensano di poter imporre alle scuole cattoliche cosa insegnare, agli economisti cosa pensare, a noi come scrivere (alcune parole sono già state messe al bando e usarle comporta andare in seri guai professionali). E chi non si adegua? Ora cacciato, punito, deriso, messo all’indice, un domani – perché no? – un bel campo di rieducazione come pena alternativa al carcere.

Chiedere la testa di due economisti in quanto liberisti è un fatto gravissimo. Che a farlo siano 150 professori e non un gruppo di invasati sui social spazzatura rende la cosa assai pericolosa. E dà la misura di che cosa sia e in che mani sia finita l’università italiana (sulla immoralità della sinistra non abbiamo mai nutrito dubbi).

Leggi la notizia su Libero Quotidiano

L'articolo Ddl Zan, Alessandro Sallusti attacca: “I fascisti di oggi sono quelli che cantano Bella Ciao” proviene da Rassegne Italia.