Aborti spontanei e Vaccini Covid, studio Usa preoccupa

 


Uno studio osservazionale, pubblicato dal New England Journal of Medicine, su donne gravide vaccinate negli Usa con Pfizer (che sconsiglia per loro il vaccino) o Moderna rileva che il 14% delle gravidanze si è concluso con la morte del nascituro. Dati che preoccupano e che dovrebbero indurre a maggior prudenza mamme e ginecologi.

La gamma delle sperimentazioni vaccinali si sta ampliando sempre di più: oltre all’eterologa e ai test che in questo momento sono in corso per portare all’abbassamento dell’età delle somministrazioni vaccinali fino ad arrivare ai neonati, troviamo anche un ulteriore ambito di sperimentazione: quello della gravidanza. Un ambito che dovrebbe comportare una notevole prudenza.

Da quando esistono le vaccinazioni, si è sempre avuta una particolare attenzione a non somministrare vaccini che - come molti altri farmaci - potrebbero interferire nei meccanismi di embriogenesi e causare malformazioni ai nascituri.

Solo in anni molto recenti è stato dato il via libera alla vaccinazione anti-Difterite-Tetano-Pertosse (trivalente) nelle donne gravide, ma soltanto dopo la ventottesima settimana di gestazione, proprio per evitare questi danni all’embrione. Un secondo vaccino consentito in gravidanza è quello antinfluenzale. Altri vaccini non vengono praticati.

Nel caso dei nuovi vaccini anti-Covid, per le loro caratteristiche di farmaci autorizzati in via straordinaria e la limitatezza sugli studi relativi alla loro efficacia e sicurezza, si imponeva una ancor maggiore cautela nell’utilizzo. Così è stato, ma solo all’inizio.

I rischi ci sono, sono documentati, e le cifre fanno davvero impressione. Basta andare a vedere una recente pubblicazione del New England Journal of Medicine, una delle più prestigiose riviste medico-scientifiche del mondo. L’articolo in questione si intitola Preliminary Findings of mRNA Covid-19 Vaccine Safety in Pregnant Persons...Continua su Articolo Originale...