VACANZE IN ITALIA CON IL COPRIFUOCO ? ECCO COME DISTRUGGONO IL TURISMO IN ITALIA

 

No, non possono essere solo stupidi. I provvedimenti imposti dalla banda Speranza e sostenuti dai partiti anti italiani  sono la conseguenza di uno scollamento dalla realtà di chi vive nei palazzi e nulla conosce del mondo dei viventi. Sono provvedimenti mirati a distruggere, consapevolmente, il tessuto economico e sociale dell’Italia.

Perché neppure Speranza può far finta di non capire che aver imposto l’emergenza sino al 31 luglio, con tanto di coprifuoco dalle 22 poi alle 23 e poi alle 24, significa eliminare ogni possibilità di turismo straniero in Italia. E senza le presenze estere, il turismo non regge più, soprattutto dopo che i partiti anti italiani hanno ridotto il potere d’acquisto delle famiglie.

Ovviamente la banda Speranza sostiene che, gia' adesso, l’ora d’aria per i carcerati e' stata portata sino alle 23 e da dopo il 7 Giugno alle 24...per poi essere abolito solo dopo il 21 Giugno.

Cosi', il capriccio di voler far perdere ancora un'altro mese alle aziende recettive del turismo.

Ma chi è il turista che adesso prenota una vacanza in Italia a queste condizioni? 

E poi le 23 o le 24, d’estate, dovrebbero rappresentare una conquista?

E' piu' probabile che in queste condizioni, saranno gli italiani a prenotare le vacanze all’estero. 

Non potevano mancare, in questo scenario di squallore assoluto, gli interventi dei divi della tv, i Tele-Virologi.

Che hanno difeso il coprifuoco non per ragioni scientifiche, che non esistono, ma perché le uscite serali sono “superflue”. Gli schiavi devono lavorare e produrre, accalcandosi su autobus e treni, ma non devono divertirsi. Il turismo è superfluo, la cultura è superflua.

Quando il pessimo Speranza scriveva che gli arresti domiciliari di massa rappresentavano l’opportunità per imporre il pensiero unico obbligatorio della sinistra, pensava a questo: un popolo di schiavi impegnati esclusivamente a produrre, senza possibilità di evadere, e con gli unici messaggi trasmessi da reti tv totalmente omologate.