Isteria da Vaccino, cosa c'e' dietro?

Se siete riluttanti a farvi praticare il vaccino Covid e cominciate a sentirvi invasi da forze che vi spingono a farvi vaccinare, non siete soli e non siete pazzi.  C’è una ragione per cui vi sentite così. Siete praticamente bombardati.

Siamo bombardati da pubblicità che ci spingono ad essere socialmente responsabili. Professionisti medici, celebrità e persone nelle nostre comunità ci ammoniscono a non sottrarci al nostro dovere civico. Improvvisamente, il vaccino è l’unica via per la normalità.

Amici e familiari si vantano apertamente delle loro vaccinazioni e sussultano per lo stupore quando scoprono che non hai deciso o, peggio, che non lo farai. Anche i medici che te lo chiedono hanno quello sguardo di disapprovazione.

Il presidente americano alimenta abitualmente la paura, condannando recentemente i non vaccinati. Andrew Cuomo ha avuto il coraggio di suggerire che i non vaccinati “potrebbero uccidere la propria nonna”.

In aggiunta all’ammucchiata, siamo ora assediati da programmi di “incentivi” offerti da partenariati pubblico-privati che essenzialmente ci dividono in vaccinati e non-vaccinati…, e sta diventando assolutamente inquietante.

In primo luogo, i semplici incentivi “fatti vaccinare, ricevi un regalo”. Seguendo un programma simile del Connecticut, il governatore del New Jersey ha lanciato il programma “Birretta e punturina“, in cui coloro che si vaccinano a maggio ricevono una birra gratis nelle birrerie partecipanti, dietro presentazione di una “carta di vaccinazione”. Sta anche promuovendo un programma “Gratis per l’iniezione” che porta i frequentatori delle chiese dalle funzioni religiose verso i siti di vaccinazione.

Il nightclub D’Jais di Jersey Shore sta ospitando una clinica di vaccinazione che darà agli avventori una Summer 2021 VIP Card. Ooh… i vaccinati sono persone molto importanti che devono essere riconosciute pubblicamente.

Il governatore della Virginia Occidentale Jim Justice sta probabilmente usando i dollari delle tasse per dare titoli di risparmio da 100 dollari a chiunque tra i 16 e i 35 anni si vaccini.

Dal nostro punto di vista privilegiato, i “dubbiosi del vaccino” sono molto analitici, molto calmi e molto pazienti. Non sono anti-vaccino per alcun motivo specifico, ma vogliono prendere una decisione informata, basata sui dati, soppesare i costi e i benefici, e fare ciò che ritengono meglio per se stessi e le loro famiglie. Sono disposti ad aspettare più informazioni sugli effetti a lungo termine prima di farsi bucare il braccio.