Francia, anche gli ufficiali di Polizia si uniscono ai generali anti-islam: azioni per scongiurare la Guerra Civile

Da SputnikNews – Ad aprile una rivista francese aveva pubblicato una lettera di oltre 1.200 militari, tra cui 20 eminenti generali in pensione, avvertendo che le ideologie radicali e l’estremismo religioso potrebbero provocare una guerra civile e la disintegrazione della Francia. In una nuova lettera di domenica scorsa, i militari hanno ribadito il pericolo.

Un gruppo di poliziotti francesi in pensione ha inviato una nuova lettera aperta al presidente Emmanuel Macron, al primo ministro Jean Castex e al Senato francese chiedendo sicurezza per le forze dell’ordine e sicurezza per i cittadini francesi in generale.L’appello, pubblicato su MesOpinions.com, un portale francese di petizioni e sondaggi, è stato scritto da 93 agenti di polizia in pensione, e chiede solennemente al governo “di fare tutto il possibile per porre fine alla situazione estremamente grave che la Francia sta attraversando in materia di sicurezza e ordine pubblico”.

Firmata da oltre 36mila persone, la petizione suggerisce che l’autorità dello Stato francese è “minata da minoranze violente” e che ci sono “territori perduti” in Francia in cui le leggi della Repubblica non sono più applicabili.

“La polizia e i gendarmi sono i mantenitori della pace e i protettori delle nostre istituzioni. Sono la chiave di volta di tutte le nostre libertà. Senza sicurezza non ci sono libertà”, sostiene l’appello.

La lettera fa riferimento a quello che definisce come un’ondata di attacchi e violenze contro le forze dell’ordine, suggerendo che “dimostrano un rifiuto dei nostri valori repubblicani, dei nostri costumi e del nostro modello di società in intere sezioni della nostra nazione”. In particolare si ricorda quello avvenuto la scorsa settimana ad Avignone, nel sud-est della Francia, in cui un agente di polizia è stato ucciso durante un blitz anti-droga.

“Gli attacchi aperti contro le stazioni di polizia da parte di orde di individui armati e incappucciati si stanno diffondendo impunemente in tutta la nostra nazione, la violenza contro gli individui si diffonde anche nella privacy delle residenze familiari e l’unica risposta a questi crimini contro le forze dell’ordine consiste in incantesimi compassionevoli che non hanno effetto sulla vita quotidiana del popolo francese”.

La lettera richiede che la polizia sia equipaggiata “materialmente, moralmente e legalmente” per consentire di adempiere ai propri compiti senza dover rischiare la vita “ad ogni angolo di strada” e si lamenta che oggi le forze dell’ordine stanno subendo pressioni non solo da criminali ma da parte della popolazione, alcuni politici, magistrati e prefetti. Si chiede una riforma del sistema della giustizia per garantire che le pene coincidano con la gravità dei crimini commessi.

“L’emergenza richiede anche il controllo dell’immigrazione clandestina, che colpisce molti quartieri e contribuisce ad alimentare il disordine e la delinquenza”, sostiene la lettera.

“È tempo di intraprendere azioni efficaci per rivendicare il nostro Paese e ripristinare l’autorità statale ovunque difetti. È tempo di garantire che i valori della Francia siano rispettati e di non accettare più l’inaccettabile. È ora di reagire “, dice la lettera. “La Francia non deve cadere nel caos … Ci auguriamo che il nostro appello per una riscossa nazionale venga ascoltato dalle autorità pubbliche, e uniamo le nostre voci a quelle dei nostri compagni militari, che hanno parlato per primi”, termina l’appello.

Ad aprile una rivista francese aveva pubblicato una lettera di oltre 1.200 militari, tra cui 20 eminenti generali in pensione, avvertendo che le ideologie radicali e l’estremismo religioso potrebbero provocare una guerra civile e la disintegrazione della Francia. In una nuova lettera di domenica scorsa, i militari hanno ribadito il pericolo.

Leggi la notizia su SputnikNews

L'articolo Francia, anche gli ufficiali di polizia si uniscono ai generali anti-islam: azioni per scongiurare la guerra civile proviene da Rassegne Italia.