Cashback, per i furbetti delle Microspese niente Bonus

 

Partite le prime verifiche anti-furbetti del cashback: i controlli, effettuati su microspese fatte in modo ricorrente e con importi irrisori, porteranno a stornare quest'ultime considerandole "abusive".

Per coloro che hanno attuato la strategia delle micro transazioni per effettuare un unico acquisto, con lo scopo di arrivare al "super bonus" del cashback di Stato, scattano le prime verifiche "anti-furbetti" al raggiungimento del primo semestre dopo l'avvio del programma.
Gli utenti che avranno effettuato transazioni sospette riceveranno un messaggio direttamente sull'App IO e avranno tempo 7 giorni per comprovare che l'illecito rilevato sia in realtà solo un errore.
Il messaggio sarà indirizzato verso le transazioni considerate "anomale", "ricorrenti" e di "importo irrisorio" o effettuate "in numero elevato presso lo stesso esercente lo stesso giorno"...Continua su Articolo Originale...