Ristoranti preda degli Usurai se non si anticipano le Riaperture

Sono 40mila le imprese fortemente a rischio in tutta Italia a causa di fatturati che crollano, mancanza di liquidità e difficoltà nell'accesso al credito. Nuova denuncia della Confcommercio. Il presidente, Carlo Sangalli: «Necessario anticipare le riaperture al chiuso, un'attività su due non lavora e si espone alla criminalità».


Crollo dei fatturati, mancanza di liquidità e difficoltà nell’accesso al credito a cui si aggiunge un programma di riaperture tardivo, farraginoso e poco utile.

Sono tutti questi fattori legati alla ristorazione, al turismo e al commercio che stanno spalancando sempre di più le porte alla criminalità, all’usura, ai sistemi mafiosi che si infiltrano nei tessuti sociali ed economici delle imprese italiane, da nord a sud. 40mila le imprese oggi a rischio usura.

Confcommercio ha evidenziato dati preoccupanti e offerto spunti di riflessione utili nel corso dell’8ª giornata dedicata alla Legalità organizzata in webinar dall’associazione con il presidente Carlo Sangalli e il ministro degli Interni, Luciana Lamorgese
 (in presenza) che sono intervenuti...Continua su Articolo Originale...