Open Arms, il “comico” Toninelli, ex ministro a sua insaputa, vuole fare causa a Salvini: “Dice falsità su di me”

Da SputnikNews – Lo ha comunicato in una nota il legale dell’ex ministro in seguito alle “accuse paradossali” di Matteo Salvini che lo ha chiamato in causa davanti ai magistrati di Catania e di Palermo. All’indomani della decisione dei giudici di Palermo di rinviare a giudizio il senatore Matteo Salvini, l’ex ministro Danilo Toninelli “preannuncia iniziative legali a sua tutela e nell’interesse preminente della verità e della correttezza dell’informazione”, per essere stato “più volte oggetto di paradossali accuse e addebiti di responsabilità da parte della difesa del senatore Matteo Salvini all’indomani della lineare testimonianza nella vicenda ‘Gregoretti'” a Catania e in seguito a Palermo “nell’analoga vicenda ‘Open Arms”. Lo si apprende da un comunicato stampa diffuso dal suo legale, Ivano Lai.

Nel corso delle udienze preliminari a Catania e Palermo, l’avvocato di Salvini, la senatrice Giulia Bongiorno, ha citato il senatore del M5S in aula durante le udienze preliminari, sostenendo che la linea dell’ex ministro degli Interni fosse sostenuta dal governo di allora, di cui Toninelli faceva parte come ministro delle Infrastrutture e Trasporti.

Per il senatore grillino si tratta di “falsificazioni, strumentali all’autodifesa del senatore Matteo Salvini, appaiono finalizzate a nascondere la realtà storica emersa nel processo e ad addossare incredibilmente sul senatore Toninelli responsabilità non sue”, prosegue la nota.

“Appare utile, perciò – prosegue -, far conoscere all’opinione pubblica l’ingenerosità del malaccorto ‘scaricabarile’, e rappresentare, una volta per tutte, che i tuoni e i fulmini del senatore Salvini contro l’approdo delle navi di migranti nei porti italiani sono improvvisamente scomparsi nel processo per fare spazio a un ben più utile e callido programma difensivo nel quale lo stesso senatore Salvini si è miracolosamente trasformato in un missionario caritatevole e umano pronto ad accogliere e accudire gli stranieri, ossia le medesime persone che tempo prima, quand’era ministro dell’interno, non esitò a definire pubblicamente, in aperto contrasto con le posizioni del Governo Conte, clandestini e malfattori da respingere alle frontiere”, conclude il comunicato.

Il caso Open Arms

Matteo Salvini è accusato di aver tenuto contro la loro volontà 147 migranti a bordo della Open Arms al largo dell’isola di Lampedusa nell’agosto del 2019.

Il mese scorso il capo della Procura di Palermo, Francesco Lo Voi, ha chiesto il rinvio a giudizio per Salvini per il caso Open Arms.

Sabato scorso, invece, il pm di Catania, Andrea Bonomo, ha chiesto il non luogo a procedere per il ritardo dello sbarco dei 131 migranti a bordo della nave Gregoretti nel luglio del 2019, dichiarando che “non fu sequestro di persona”.

Leggi la notizia su SputnikNews

L'articolo Open Arms, il “comico” Toninelli, ex ministro a sua insaputa, vuole fare causa a Salvini: “Dice falsità su di me” proviene da Rassegne Italia.