I Ristoratori di IoApro sfidano la Questura: "A Montecitorio Lunedi' 12 nonostante i divieti" confermano la manifestazione


 Gli attivisti di "Io apro" determinati ad arrivare a Roma per manifestare nonostante i divieti della Questura. Uno degli organizzatori : "Inaccettabile che in un paese democratico ci vengano negate le piazze per manifestare, domani protesteremo davanti al Parlamento".

L’obiettivo è quello di “arrivare sotto al Parlamento” nonostante i divieti. Per questo decine di pullman riempiti da ristoratori, commercianti, imprenditoripartite Iva e ambulanti aderenti al movimento Io Apro, arriveranno lo stesso a Roma per manifestare.

C’è gente che ha investito gli ultimi duecento euro per pagarsi questo viaggio e far sentire la propria voce domani in piazza a Roma, abbiamo chiesto l’autorizzazione giovedì scorso e ieri mattina la Questura ci ha fatto sapere che per la nostra manifestazione non c’era nessuna piazza disponibile, mi sembra una misura eccessiva, che rischia di esasperare ancora di più gli animi”, dice  Antonio Alfieri, ristoratore, tra i fondatori del movimento...Continua su Articolo Originale...