Al via il Festival di Sanremo 2021. Le Pagelle della prima serata

 


Inizia dopo tante polemiche il festival della canzone italiana giunto alla sua settantunesima edizione. Si esibiscono i primi dodici cantanti in gara.

E' iniziata la settantunesima edizione del festival di Sanremo che ci accompegnerà per cinque lunghissime serate e che culminerà con la finalissima di sabato 6 Marzo.

Fiorello e Amadeus aprono la prima serata e l'Ariston senza pubblico con gli applausi registrati lascia un'infinita tristezza che rappresenta a pieno la situazione che sta attraversando il nostro paese e più in generale tutto il mondo. Ma la gara entra subito nel vivo con le esibizioni delle giovani proposte.

Giovani Proposte

Gaudiano (Polvere da sparo): Gaudiano canta bene e alcuni punti del pezzo evidenziano una bella estensione vocale. Ha un bel faccino che gli consente di volare alla serata di venerdì ma la canzone per ora è rimandata. 5,5 Bello che non Balla

Elena Faggi (Che ne so): Ragazza giovanissima che sale sul palco con un look da scolaretta. La canzone al primo ascolto è poca cosa con degli arrangiamenti davvero elementari, lei canta anche benino ma il risultato è mediocre. 5,5 Acerba

Avincola (Goal): 
Sicuramente il più allegro e ironico tra i giovani e si presenta con una canzone indie, genere che negli ultimi anni è in escalation. Tuttavia è un indie spensierato e piacevole che ci piace. Meritava più degli altri. 7 Un peccato

Folcast (Scopriti): La canzone è davvero noiosa non decolla mai e non ci scalda neanche un po. Per stasera rimarremo coperti. Lui tuttavia passa il turno e va direttamente alla serata di venerdì. 
Freddo



Big

Arisa (Potevi fare di più):
La canzone non si cuce per niente su Arisa, le parti basse sono troppo basse per lei e le parti alte sono troppo alte. Arisa cerca di interpretare il pezzo meglio che può ma il risultato è deludente. I fausti di un tempo e le due vittorie al festival sono ormai lontani. 
4,5 Potevi fare di più

Colapesce e Dimartino (Musica leggerissima): Sono i favoriti dai bookmaker nonostante siano al loro primo Sanremo. La canzone è orecchiabile e molto radiofonica, e questo spiega le quote basse a loro favore. Il senso della canzone però è tutto nel titolo: una canzone leggerissima. Per noi è difficile che vinca. 6 Politico ...Continua su Articolo Originale...