Massimo Cacciari “demolisce” gli abusivi del PD: “Non è mai esistito, serve solo a spartirsi le poltrone”

Di Monica Pucci – E’ un Massimo Cacciari scatenato quello che commenta l’annuncio di un prossimo congresso nazionale del Partito democratico. Iracondo ma speranzoso. “Finalmente. Era ora, meglio tardi che mai, giusto e inevitabile”. Il filosofo, però, anche in questa occasione, non si mostra particolarmente ottimista.

“Cosa mi aspetto che emerga? Il Pd, che non è mai esistito”, aggiunge Massimo Cacciari, commentando l’apertura ad un congresso nazionale del partito da parte del segretario dem Zingaretti. “Sull’opportunità di farlo non vi è dubbio, adesso bisogna vedere come -sottolinea Cacciari- Ci possono essere congressi tutti impastrocchiati a priori, in cui certi dirigenti si presentano falsamente uniti per spartirsi le posizioni, quindi qui vedremo come, che tipo di congresso è”.

Cacciari e la speranza di resurrezione del Pd

L’auspicio del professore, mai tenero col Pd, è che sia “un congresso in cui le diverse anime definiscano il proprio essere con chiarezza, senza ipocrisie e senza mezzi termini”, spiega. E traccia alcuni suggerimenti: “Speriamo che venga organizzato come si deve, cioè in modo molto aperto, ovvero un congresso in cui possano partecipare, in base a regole precise, anche persone non iscritte che però ci tengono davvero a rappresentare le proprie posizioni nell’ambito di quelle culture, di quelle prospettive e di quei progetti che il Pd potrebbe rappresentare”.

Leggi la notizia su Il Secolo d’Italia

L'articolo Massimo Cacciari “demolisce” gli abusivi del PD: “Non è mai esistito, serve solo a spartirsi le poltrone” proviene da Rassegne Italia.