Mafie in agguato a causa della Crisi. Ristoranti e Hotel ad alto Rischio, crescono le Compravendite Sospette

 

I dati del Cerved e sostenuti da altri numeri presentati dalla Banca d'Italia confermano che la criminalità organizzata si sta insinuando sempre di più nel tessuto economico italiano con turismo e ristorazione nel mirino. Tra febbraio e ottobre 2020 hanno cambiato gestore 586 società titolari di ristoranti, ma il settore più colpito è quello degli autonoleggi

Lcriminalità organizzata, come uno sciacallo, sta approfittando della grave situazione economica che attanaglia le imprese italiane a causa della pandemia. La mancanza di liquidità generata dal poco lavoro porta sempre più piccoli-medi imprenditori a vendere la propria creatura oppure a chiedere aiuti “alternativi” a quelli statali che non arrivano in misura adeguata.

In entrambi i casi rispondono spesso, troppo spesso, agli appelli acquirenti poco affidabili che fiutano l’affare e il bisogno urgente di soldi da parte dei venditori e comprano. Un circolo vizioso grave e pericoloso in ottica futura, che da un lato alimenta il mercato criminale e dall’altro distrugge la qualità delle attività artigianali italiane che si sono costruite nel tempo dando da mangiare a intere famiglie, non poche. E guardando al domani, soprattutto nel mondo della ristorazione e del turismo, viene da chiedersi quale sia la qualità dell’offerta di cui i consumatori potranno godere...Continua su Articolo Originale...