Discriminazione in Germania: i non vaccinati “marchiati” con un braccialetto. È bufera su un luna park

Di Cristina Gauri – Roma, 23 ago — Clienti non vaccinati «marchiati» con un braccialetto colorato: per questa discutibile iniziativa è finito nel tritacarne mediatico Europa-Park, il più grande parco dei divertimenti della Germania.

Con un braccialetto marchiati i clienti no vax

Da lunedì scorso la direzione della struttura — che si trova nel Baden-Württemberg, nel sud-ovest della Germania al confine con Francia e Svizzera — aveva preso la decisione di etichettare i clienti con braccialetti colorati a seconda dello status vaccinale. Avevamo così gli eletti, cioè i vaccinati, con un evocativo braccialetto di colore bianco immacolato.

Poi vengono i paria, cioè i non vaccinati ma testati con un tampone rapido delle precedenti 24 ore. Per questi ultimi, invece, erano pronti dei vistosi braccialetti colorati. Il sistema era chiamato «regola delle 3 G». Ogni giorno il cinturino dei non vaccinati veniva cambiato in modo che i controllori potessero individuare più facilmente i clienti rimasti al parco per più giorni consecutivi.

Un sistema discriminatorio e di «marchiatura bestiame» decisamente poco sensibile al tema della privacy che ha scatenato l’ira di moltissimi ospiti non vaccinati. «Non è affare di nessuno se sono vaccinato o no», ha scritto un utente sulla pagina Facebook del parco. «Il mio stato di salute non riguarda nessun estraneo», gli fa eco un’altra. «Questa iniziativa è spaventosa e terribile, da qui non si torna indietro. Mi spaventa profondamente». Dopo avere appreso la notizia dell’«obbligo di braccialetto», alcuni ospiti hanno fatto sapere di avere annullato le prenotazioni.

Un portavoce di Europa-Park ha riferito a Bild aveva rivendicato la bontà dell’iniziativa  presentandola come una «soluzione rapida e praticabile» per «implementare nuove misure contro il virus». I diversi colori non erano «in alcun modo destinati» a «mettere visivamente alla gogna gli ospiti», ha assicurato la portavoce. Ma, di fatto, è esattamente ciò che è successo: e i cittadini tedeschi si sono fatti sentire a gran voce. Il clamore social — e non solo — ha costretto la direzione del parco divertimenti a fare una precipitosa marcia indietro e giovedì ha annunciato lo stop dell’iniziativa.

Cristina Gauri

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale

L'articolo Discriminazione in Germania: i non vaccinati “marchiati” con un braccialetto. È bufera su un luna park proviene da Rassegne Italia.