Burioni attacca un gruppo di amici in pizzeria: “Se vi viene un infarto e non trovate la rianimazione è colpa loro”

Da Byoblu – Dopo l’astioso tweet “Chiusi in casa come i sorci” indirizzato a chi non si è sottoposto al vaccino, Burioni prosegue con la sua campagna denigratoria verso chi non la pensa esattamente come lui.

Va fatta una precisazione: chi non la pensa come lui in questo preciso istante, visto che anche il professore ha dato prova di cambiare idea, anche radicalmente, più volte. Come dimenticare le sue dichiarazioni, in prima serata su Rai 2 davanti a milioni di italiani: “In Italia il rischio è 0. Il virus non circola”.  Stavolta Burioni se la prende con un gruppo di ragazzi e ragazze colpevoli di essere andati a mangiare una pizza al ristorante.

Grazie a questi irresponsabili (avventori e gestori) da lunedì la Sicilia è in zona gialla. Se martedì (Dio non voglia!) siete in Sicilia, vi viene un infarto e trovate la rianimazione piena sapete chi ringraziare” recita il suo tweet.

Cosa dice il portale covid-19 sui reparti di terapia intensiva in Sicilia

Facciamo innanzitutto un check a questa dichiarazione: “Vi viene un infarto e trovate la rianimazione piena sapete chi ringraziare”. Premesso che non è mai bello augurare un infarto a qualcuno, qual è la situazione delle terapie intensive in Sicilia?

Basta consultare il portale Covid-19 dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari Regionali. 

I tachimetri rappresentano la percentuale di posti letto di terapia intensiva occupata da pazienti Covid−19 e quella di posti letto in area non critica occupata da pazienti Covid−19 nell’ambito geografico selezionato.

“L’istogramma rappresenta l’incidenza per 100.000 abitanti nell’ambito geografico selezionato nelle settimane indicate in ascissa”, si legge.

Come potete vedere al momento la situazione nei reparti di terapia intensiva in Sicilia fortunatamente non è critica. L’occupazione dei posti letto in terapia intensiva è dell’11%.

Uno dei protagonisti della cena risponde a Burioni su Byoblu

Byoblu ha raggiunto uno dei “colpevoli” della cena in pizzeria, Santi Daniele Zuccarello, attivista, che ci ha rilasciato queste dichiarazioni: “Oggi sono stato attaccato personalmente dal virologo, il dottor Burioni, che con un suo tweet ha attaccato la mia persona per una fotografia scattata in pizzeria con degli amici scesi giù in Sicilia da Roma. Burioni dichiara che è colpa di gente come me se la Sicilia sarà in zona gialla da lunedì. Vorrei rispondere dichiarando questo: “La Sicilia, così come tante regioni in Italia, cambierà colore non per colpa dei cittadini ma per le scelte scellerate politiche degli ultimi anni e non solo.

Cosa è stato fatto dal punto di vista sanitario nelle nostre strutture, soprattutto nelle regioni in difficoltà come la Sicilia che hanno pochi posti letto? Nulla. Io non ho visto nascere ospedali, non ho visto ospedali chiusi (abbiamo tanti ospedali chiusi) riaprire magicamente!. E così i posti letto sono rimasti sempre gli stessi. Ecco perché poi probabilmente andiamo in zona gialla. Comunque vorrei anche ribadire che in ogni caso ci sono l’80% per cento dei posti liberi per la rianimazione…

Leggi la notizia su Byoblu

L'articolo Burioni attacca un gruppo di amici in pizzeria: “Se vi viene un infarto e non trovate la rianimazione è colpa loro” proviene da Rassegne Italia.