Avvertimento shock degli USA sull’ Italia: “Pericolo Terrorismo”. Vediamo cosa c'e' di vero.

 


Vi è una notizia interessante e a tratti inquietante: in data 20 aprile 2021, il dipartimento di Stato USA consiglia ai suoi cittadini di non viaggiare in Italia.

La motivazione non è solo quella, facilmente prevedibile, legata all’emergenza epidemiologica. Accanto ad essa, ve n’è anche un’altra, decisamente meno facilmente prevedibile: ed è quella del pericolo del terrorismo.

Sì, avete inteso rettamente: pericolo di terrorismo in Italia, che è stata aggiunta da Washington nell’elenco dei Paesi di “Level 4” (“do not travel“) verso i quali è per l’appunto sconsigliato viaggiare.
Raccomandazioni analoghe, invero, riguardano anche il Regno Unito, la Germania e il Belgio. L’Italia non è quindi un caso isolato.

Nel caso di Francia e Spagna, al Covid e al terrorismo si aggiunge anche il generico pericolo di “disordini”. Il “Level 4” resta comunque una raccomandazione che non impedisce ai cittadini americani di recarsi nei Paesi in questione; semplicemente li esorta a non farlo, lasciando in ultima istanza a loro la libertà di scegliere cosa fare.
Il livello appena inferiore, il 3 (“Reconsider travel”, cioè “riconsiderare il viaggio”) è applicato dal Travel Advisory del sito del Dipartimento di Stato Giappone e Cina.

Che cosa sta accadendo, dunque, in Europa? E perché i cittadini europei non sono stati informati?
Si tratta soltanto di generiche e rituali preoccupazioni del Pentagono? O davvero v’è, in Europa, il rischio del ritorno del terrorismo?

Forse in Europa sta salendo la “temperatura” delle proteste contro il regime terapeutico e si temono disordini magari anche sfocianti nel terrorismo? 

Sappiamo, del resto, che l’Italia ha una sua storia consolidata di tensioni terroristiche. Difficile a dirsi. In ogni caso, al di là di ogni ragionevole dubbio è il fatto che da più di un anno l’Europa si trova in una condizione di emergenza, che già di fatto è divenuta la nuova normalità...Continua su Articolo Originale...